Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Elenchi massoni/ Bisi (Goi) paga Rosy Bindi con la stessa moneta e gli intima di annullare i sequestri entro il 27 marzo

Pan per focaccia.

Ho pensato questo quando ieri ho letto il comunicato stampa con il quale il Goi (Grande oriente d’Italia) ha annunciato l’ultima “botta” alla Commissione parlamentare antimafia che il 1° marzo ha fatto sequestrare gli elenchi calabri e siculi di 4 obbedienze massoniche.

Non so se domani arriverà l’ennesima “risposta” di Rosy Bindi (fumantina com è me l’aspetto) ma so che è geniale aver intimato perentoriamente 10 giorni di tempo (a partire da ieri e dunque il termine scade il 27 marzo) affinché la stessa Commissione annulli o revochi in autotutela il provvedimento di sequestro degli elenchi.

Geniale perché al larghissimo arco di tempo con il quale la stessa Bindi aveva dato possibilità alle obbedienze di consegnare spontaneamente gli elenchi (e come no!), il sornione ma tosto Gran maestro Stefano Bisi del Goi ha risposto con appena 10 giorni.

Geniale perché Bisi sa benissimo che Bindi risponderà picche ed allora lui potrà trionfalmente presentarsi (contro le spinte interne che vorrebbero farlo fuori per rimettere in sella al Goi l’ex Gustavo Raffi) all’assemblea di Gran Loggia che riunisce ogni anno tutte le logge del Grande oriente d’Italia e che quest’anno è fissata dal 7 al 9 aprile al Palacongressi di Rimini.

All’appuntamento Bisi si presenterà con qualcosa in più: un ricorso vero e proprio contro il decreto di sequestro. Bisi non può infatti permettersi mai come in questo momento di essere scavalcato a destra o a sinistra, sopra o sotto, dal Grande oriente regolare d’Italia che (lo leggerete da domani su questo umile e umido blog) il proprio ricorso lo ha già presentato da giorni.

Ora, proseguendo con la lettura del comunicato stampa (mi domando dove sia la professionalità dei colleghi che ieri lo hanno riportato integralmente senza un minimo di analisi, come se i media fossero buche delle lettere a disposizione di tutti) si nota qualcosa in più: la guerra sarà lunga, lunghissima atteso il fatto che il Goi si riserva di «ottenere, anche nei confronti  dei singoli parlamentari membri della Commissione, il ripristino della propria onorabilità e reputazione e di quelle dei  soggetti aderenti, nonché il  risarcimento dei danni patrimoniali  e non patrimoniali subiti a causa dell’illiceità del decreto 1° marzo 2017».

Insomma: Il Goi contro tutti i 50 parlamentari della Commissione parlamentare antimafia che, secondo la stessa obbedienza, «pur conoscendole» (e qui, personalmente avrei infiniti dubbi vista la preparazione media degli onorevoli) hanno disconosciuto le sentenze 4/83 delle sezioni unite penali della Corte di Cassazione (della quale ho scritto e che troverete nel link a fondo pagina) e della Corte costituzionale 379/1996 che riguardava due deputati che, secondo l’accusa, in concorso con deputati assenti, si attribuirono falsamente la qualifica e l’identità di altri parlamentari nella partecipazione alla seduta della Camera dei deputati del 16 febbraio 1995 e, successivamente, parteciparono alle operazioni di voto attestando falsamente la presenza e l’espressione del voto da parte di due deputati non presenti in aula.

La Corte costituzionale dichiarò che non spettava al Procuratore della Repubblica di Roma, nè al Giudice per le indagini preliminari dello stesso Tribunale procedere nei confronti dei due ex deputati per i reati di falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici e, rispettivamente, sostituzione di persona, in relazione alla attività posta in essere in qualità di deputati nel corso della votazione nella seduta della Camera dei deputati del 16 febbraio 1995. La Corte annullò conseguentemente l’ordinanza del giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Roma del 23 maggio 1996, nonché la richiesta della Procura della Repubblica presso lo stesso Tribunale del 3 maggio 1996, accolta con l’ordinanza.

Ora, perché il richiamo di un ricorso (sicuramente) già pronto, a quest’ultima sentenza? Forse perché (ma si attendono lumi ulteriori) perché la decisione di far scattare perquisizioni e sequestri fu assunta solo dall’ufficio di presidenza (e da chi? Tutti?) e non anche dall’intera commissione? O perché il Goi contesta alla Commissione che le operazioni affidate allo Scico della Gdf risultano illecite in quanto  esorbitanti rispetto ai poteri stessi attribuiti per legge alla legge istitutiva della Commissione (con conseguenza anche a carico dei singoli commissari e di chiunque abbia concorso ad adottare il provvedimento)?
In attesa di saperne di più (nel fine settimana è molto dura) sappiamo per certo che secondo il Goi sono stati violate (rectius: tradite), la libertà di associazione (articolo  18 della Costituzione), il diritto inviolabile di difesa (articolo 24 della Costituzione) e il principio del contraddittorio (articolo 111 della Costituzione) .

Infine il Goi ieri ha annunciato la costituzione di un Collegio aperto alle proposte del «mondo del libero pensiero» (non so bene cosa voglia dire visto che il pensiero in democrazia dovrebbe essere, da parte di tutti, sempre libero) e a quelle di chi ha avvertito l’iniziativa della Commissione come preludio di una deriva populista ed autoritaria ora scaturita anche dalle proposte di legge contro la massoneria annunciate dal deputato Pd Davide Mattiello e dall’onorevole Claudio Fava (Articolo 1- Movimento democratico e progressista), entrambi della stessa Commissione antimafia, «su un modello sul quale già il fascismo si era cimentato con la “nota e sciagurata” legge “Sulla regolarizzazione dell’attività delle associazioni e dell’appartenenza alle medesime del personale dipendente dello Stato”, promulgata il 26 novembre 1925, alla vigilia delle leggi speciali di abolizione dello Stato liberale e di instaurazione della dittatura» .

Mattiello ha replicato così: «Le parole del Gran Maestro del Goi danno la misura di quanto questa massoneria abbia smarrito la strada dell’800. Paragonare la mia proposta di legge alla legge fascista  è un atto di spudorata arroganza o di ignoranza: in un regime autoritario dove tutto è proibito tranne ciò che è esplicitamente autorizzato dallo Stato, come era al tempo del Fascismo, quelle norme confermavano una deriva liberticida. Ma quando si vive in un regime liberale dove tutto è concesso tranne ciò che è espressamente vietato dallo Stato, in ragione del bilanciamento necessario tra principi costituzionali, allora una norma come quella che io oggi propongo serve a garantire affidabilità e trasparenza delle Istituzioni, realizzando proprio quel bilanciamento. Consiglio a Bisi di considerare con maggior rispetto la cesura giuridica culturale e politica rappresentata dalla Resistenza e dalla Costituzione repubblicana che da quella è scaturita. Io andrò avanti».

Sul fatto che Mattiello andrà avanti non dubito, come non dubito che il Parlamento, invece, andrà indietro lasciandolo da solo con Fava. Così come non dubito che l’appuntamento di Rimini si trasformerà in un enorme Collegio aperto.

A domani con una nuova puntata di questa interminabile partita a scacchi tra massoneria e Commissione antimafia.

r.galullo@ilsole24ore.com

(si leggano anche

Elenchi massoni/ Effetto valanga dai sequestri: le domande delle Logge mondiali e il rischio di fuga dalle obbedienze

http://robertogalullo.blog.ilsole24ore.com/2017/03/16/esclusivo-il-testo-del-decreto-di-perquisizione-e-sequestro-al-goi-tra-i-motivi-lo-scioglimento-dimenticato-di-una-loggia-calabrese/

http://robertogalullo.blog.ilsole24ore.com/2017/03/15/elenchi-massoni-la-gran-loggia-regolare-ditalia-depenna-chi-non-da-il-consenso-alla-legge-sulla-privacy/

http://robertogalullo.blog.ilsole24ore.com/2017/03/10/elenchi-massoni-le-logge-non-potranno-ricorrere-contro-il-decreto-di-sequestro-della-commissione-antimafia-il-precedente-della-p2/

Elenchi massoni: il rebus della perquisizione di Palazzo Giustiniani sede storica del Goi – Gdf: notte fonda nella Gran loggia d’Italia

http://robertogalullo.blog.ilsole24ore.com/2017/03/07/i-massoni-con-le-crepe-e-il-buco-nellacqua-con-la-commissione-parlamentare-antimafia-intorno/

http://robertogalullo.blog.ilsole24ore.com/2017/03/02/elenchi-massoni-la-perquisizione-della-gdf-nella-sede-del-grande-oriente-ditalia-e-finita-allalba-la-risposta-del-goi/

http://robertogalullo.blog.ilsole24ore.com/2017/02/21/elenchi-massoni-nuovo-duro-scontro-tra-commissione-antimafia-che-si-sente-presa-per-il-naso-e-goi-che-intanto-pensa-alla-calabria/

http://robertogalullo.blog.ilsole24ore.com/2017/02/10/esclusivo2-la-lettera-di-addio-al-goi-del-gran-maestro-di-bernardo-nel-93-le-comunioni-massoniche-estere-ci-hanno-condannati/

http://robertogalullo.blog.ilsole24ore.com/2017/02/09/esclusivo1-la-lettera-di-addio-al-goi-del-gran-maestro-di-bernardo-nel-93-ecco-perche-consegno-gli-elenchi-dei-massoni-al-pm-cordova/

http://robertogalullo.blog.ilsole24ore.com/2017/02/08/elenchi-massoni-altro-che-dare-i-nomi-allo-stato-e-lo-stato-che-riconsegna-con-le-scuse-gli-elenchi-di-cordova-al-goi/

http://robertogalullo.blog.ilsole24ore.com/2017/01/24/elenchi-massoni-nessuno-batte-la-calabria-nelle-affiliazioni-1-ogni-293-residenti-ecco-i-numeri-regione-per-regione/

http://robertogalullo.blog.ilsole24ore.com/2017/01/22/elenchi-massoni-scontro-agli-sgoccioli-lantimafia-convoca-in-settimana-altre-tre-obbedienze/

http://robertogalullo.blog.ilsole24ore.com/2017/01/23/4589/

http://robertogalullo.blog.ilsole24ore.com/2016/09/20/bisi-goi-in-commissione-antimafia1-scontro-sugli-assessori-massoni-nel-regno-di-messina-denaro-i-nomi-della-loggia-di-castelvetrano/

http://robertogalullo.blog.ilsole24ore.com/2016/09/22/bisi-goi-in-commissione-antimafia3-le-colonne-di-ercole-abbattute-nelle-logge-di-locri-gerace-e-brancaleone-questione-di-guanti-e-grembiuli/

http://robertogalullo.blog.ilsole24ore.com/2016/09/26/che-fine-ha-fatto-lobbligo-di-dichiararsi-massoni-nella-pa-sancito-dal-consiglio-di-stato-rosy-bindi-ce-lo-ricorda/

http://robertogalullo.blog.ilsole24ore.com/2016/09/27/bindi-in-commissione-antimafia-al-gran-maestro-bisi-fuori-gli-elenchi-dei-massoni-sara-guerra-senza-esclusione-di-colpi/

http://robertogalullo.blog.ilsole24ore.com/2017/01/13/ultimora-il-gran-maestro-del-goi-stefano-bisi-mercoledi-18-torna-in-commissione-antimafia-e-questa-volta/

http://robertogalullo.blog.ilsole24ore.com/2017/01/18/stefano-bisi-gran-maestro-del-goi-ho-gia-spiegato-perche-non-possiamo-fornire-gli-elenchi-dei-fratelli/)

http://robertogalullo.blog.ilsole24ore.com/2016/12/13/a-vibo-valentia-un-massone-ogni-18-maschi-maggiorenni-i-sandali-nella-polvere-e-la-testa-nel-cielo-di-tutta-la-calabria/

http://robertogalullo.blog.ilsole24ore.com/2016/02/10/rete-di-matteo-messina-denaro1-beppe-lumia-chiede-al-ministro-alfano-di-acquisire-le-liste-dei-massoni-siciliani/

http://robertogalullo.blog.ilsole24ore.com/2016/02/11/rete-di-matteo-messina-denaro2-il-pentito-la-maggior-parte-delle-decisioni-erano-subordinate-alla-loggia/

http://robertogalullo.blog.ilsole24ore.com/2016/02/12/rete-di-matteo-messina-denaro3-lo-spirito-della-fu-loggia-scontrino-e-piu-vivo-e-vegeto-che-mai/

http://robertogalullo.blog.ilsole24ore.com/2016/02/16/rete-di-matteo-messina-denaro4-a-trapani-la-legge-imposta-dalle-logge-selvagge/)