Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

‘Ndrangheta a Crotone? Letteratura! (Sculco dixit) Ma un lettore si appella a Napolitano

La ‘ndrangheta a Crotone non ha know how. E’ un fenomeno letterario”.

Alt. Non ho bevuto cari amici di blog. Non vi preoccupate. A pronunciare questa frase è stato nientepopodimenoche “Sua Preferenza” Enzo Sculco, condannato in primo grado a 7 anni di reclusione per truffa, turbata libertà degli incanti, corruzione e concussione nell’ambito dell’inchiesta sulla Provincia di Crotone di cui era vicepresidente.

Per i motivi che leggerete al fondo di questo articolo sono costretto a rioccuparmi del personaggio, già potentissimo e temutissimo segretario regionale della Cisl Calabria.

Sua Preferenza– Sculco ci tiene ai 7.209 voti che ha preso alle ultime elezioni regionali che rappresentano un record storico in provincia e che lo hanno catapultato nientepopodimenoche in consiglio regionale calabrese, dove ha contributo a un altro record storico, quello dell’assemblea con il maggior numero di indagati e condannati d’Italia – è in perenne campagna elettorale, vuol mandare messaggi a chi deve capire e deve far sapere dunque a tutto il mondo che il politico è tornato. Anzi: non è mai uscito di scena.

E sì perché –  e lo abbiamo già raccontato in questo blog il 9 agosto 2008 – dopo essere stato sospeso dal consiglio regionale è stato riammesso a braccia aperte.

Voi direte: perlomeno avrà avuto l’umiltà di rimanere nascosto, sottotraccia, muto come un pesciolino rosso. Ma via signori! Non si usa in Calabria! Il galantuomo (tale è fino al passaggio definitivo in giudicato della sentenza) che non è mai stato un pesciolino rosso, è tornato “leone” – secondo la definizione di una persona che il 20 settembre l’ha intervistato a pag. 34 per il “Quotidiano della Calabria”. Domande scomode: zero. Anzi: sottozero. Cortesia: da vendere. Tappeti(ni) rossi: da stendere (anzi stesi e lustrati). Il suo recente passato non è stato neppure ricordato. Una verginella politica, che “Il Quotidiano della Calabria” nel titolo ha riassunto cosi: “Io rivoluzionario della politica – Il consigliere regionale più votato in città torna in campo con l’area dei Demokratici nel Pd – Sculco e le sue regole tra primarie e nuovi piani di sviluppo”.

Il rivoluzionario Sculco che detta regole, ha preso microfono e intervistatrice, li ha divorati e digeriti non prima di aver concesso all’intervistatrice stessa perle di politica (del resto sapete com è, aderisce ai “Demokratici del Pd” che tutti voi sicuramente conoscerete). Come questa perla a esempio: “Il problema della Calabria e a Roma…A Crotone dopo Zirro non ci sono stati più mafiosi pericolosi, tanto da bloccare lo sviluppo”.

Sculco chiama amichevolmente per soprannome Luigi Vrenna, detto appunto Zu Luigi u “Zirro”, il recipiente di stagno dove viene raccolto l’olio appena spremuto. Ne lui – c’è da capirlo – nè l’intervistatrice (e non c’è da capirlo)  ricordano che Vrenna è una famiglia crotonese che ha dato e continua a dare – anche per vie di parentele incrociate con i Bonaventura e i Corigliano – decine di boss e manovali della ‘ndrangheta. Secondo “Sua Preferenza” a Crotone, dunque, la ‘ndrangheta non ha know how. E’ un fenomeno letterario. Anche Sculco è un fenomeno. Di memoria corta. Dimentica – a esempio – che un altro Vrenna, Raffaele*, fino al 13 giugno 2008 presidente degli industriali di Crotone e vicepresidente di Confindustria Calabria, è stato condannato in primo grado a 4 anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa*. Il Pm della Direzione distrattuale antimafia Pierpaolo Bruni aveva chiesto 10 anni ricordando che “Vrenna era in ottimi rapporti con i personaggi della cosca”

Quattro anni di carcere – nell’ambito del processo che scaturiva dalla cosidetta “Operazione Puma” della Dda di Catanzaro  – anche per l’ex assessore alla Forestazione della Regione Calabria, Dionisio Gallo*, in carica nell’esecutivo di centrodestra della passata legislatura. Il sindaco di Botricello, Giovanni Puccio*, dei Ds, e il fratello Giuseppe Puccio*, ex assessore alla Provincia di Crotone, del Prc, sono stati condannati a tre anni di reclusione ciascuno.

Chi diventa amministratore dei beni della famiglia Vrenna? E’ storia nota: quello che fino a quattro giorni prima era il presidente del Tribunale di Crotone, vale a dire Franco Tricoli, la cui segretaria particolare era la moglie di Vrenna, affidataria – secondo l’onorevole Angela Napoli di An che il 27 settembre ha presentato un’interrogazione scritta ai ministri dell’Interno e della Giustizia – di alcune quote, cedute dal marito, della società “Soveco”. Secondo l’interrogazione di Angela Napoli, la moglie di Vrenna è ancora cancelliere presso il Tribunale di Crotone.

Tricoli ha dichiarato che l’incarico è stato accettato per dovere nei confronti di un gruppo che dà lavoro a 700 persone. Mi ricorda la frase che nel Medioevo i “vestaglioni” porporati del clero recitavano alle ragazze che arrivavano vergini al matrimonio: “Non lo fo per piacer mio ma per far piacere a Dio”. Piacere e non godere, dovere o non dovere, l’intreccio tra un (ex) Procuratore e un condannato (in primo grado) non è andata giù ai più, che hanno sottolineato la sottile linea grigia che esiste (soprattutto) in Calabria tra bianco e nero, tra bene e male, tra giusto e ingiusto, tra lecito e illecito, tra morale e immorale. Tra l’etica e il disgusto amorale.

Al fenomeno Sculco deve probabilmente essere sfuggito anche quello che è successo dopo la sua intervista: a Crotone una scuola, abitazioni (e chissà cos altro) erano state costruite “con “ rifiuti tossici (non “su” rifiuti tossici, cosa alla quale la Campania è ormai abituata; la Calabria è sempre “oltre”, come aveva già dimostrato la costruzione di alcuni tratti della Salerno-Reggio Calabria riempiti di rifiuti per fare spessore). E secondo “Sua Preferenza” è possibile costruire in questo modo senza l’avvallo delle ‘ndrine? Attendo risposte.

Il fenomeno Sculco non deve essere stato neppure informato che il 7 aprile 2008 nell’ambito dell’operazione Heracles erano state arrestate a Crotone e provincia 42 persone per ‘ndrangheta.

Sua Preferenza non doveva essere neppure davanti al video quando i tg di tutto il mondo rilanciavano la notizia che il 23 marzo era stato ucciso a Papanice, alle porte di Crotone Luca Megna, figlio del boss Domenico, attualmente in carcere, la cui cosca si oppone alla rivale cosca Russelli.

Potrei continuare così per giorni, raccontando il martirio a cui è sottoposta quotidianamente dalla ‘ndrangheta la provincia di Crotone e l’intera Calabria.

Ma preferisco che leggiate la lettera aperta al Presidente della repubblica Giorgio Napolitano, che riporto qui sotto, di un lettore del blog, Giorgio Greco, laureato che vuole scappare dalla Calabria e dall’Italia, che se ne assume ovviamente le responsabilità. Ma visto che mi sfida a pubblicarla dicendo che nessuno ha il coraggio di farlo, eccolo servito.

E’ un lettera che si contrappone agli insulti che ho ricevuto da due altri lettori del blog che difendono a spada tratta Sculco e che sono ancora ben visibili e leggibili da tutti voi sul post del 9 agosto che dedicavo a Antonino Scopelliti, magistrato incorruttibile assassinato da mafia e ‘ndrangheta unite per l’occorrenza il 9 agosto 1991.

La democrazia è questa. La democrazia – e lo dico con terrore – è anche sentire il fenomeno Sculco dichiarare alla solita intervistatrice che “rimarrò a Crotone…devo dare risposte agli elettori favorendo lo sviluppo sociale ed economico del territorio”.

Che “Sua Preferenza” rimanga a Crotone è un pericolo scampato per il resto d’Italia. Ma per i crotonesi? Attendo – in risposta – altri insulti e altre lettere come quella che ora leggerete. E se anche Napolitano rispondesse? (Non a me, ai crotonesi onesti).

roberto.galullo@ilsole24ore.com

ALLA LUCE DELL’INTERESSE CHE QUESTO ARTICOLO STA SUSCITANDO IN QUESTI GIORNI E’ DOVEROSO FARE I SEGUENTI AGGIORNAMENTI AL PEZZO DI CRONACA DEL 2008.

* Per Raffaele Vrenna, il 30 novembre 2001 la Cassazione ha confermato l’assoluzione dall’accusa di concorso esterno  I giudici hanno annullato anche le condanne che erano state emesse in appello nei loro confronti come di altri imputati. Oltre a quelle per Raffaele Vrenna, al quale erano stati inflitti 1 anno e 8 mesi di reclusione per corruzione e falso, per Pino Puccio (già assolto in appello dall’accusa di associazione) e Giuseppe Clarà, condannati a un anno e 4 mesi di reclusione ciascuno per corruzione, sono state annullate le condanne anche per l’ex assessore regionale alla Forestazione Dionisio Gallo, al quale erano stati inflitti 2 anni di reclusione per alcuni episodi di corruzione e voto di scambio. In altre parole l’inchiesta Puma ha perso nel suo cammino giudiziario la sua forza e non ha retto al vaglio dei gradi di giudizio. a titolo di ulteriore esempio, anche per Giovanni Puccio le accuse erano già cadute nel 2009 in appello.

LETTERA APERTA A GIORGIO NAPOLITANO

PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA

Signor Presidente,

ci aiuti a non diventare ‘ndranghetisti. Ci aiuti, perché forse non avremo per sempre la forza di resistere ad un sistema così invasivo e prepotente.

La nostra città è in mano alla criminalità organizzata che fa affari con la politica corrotta, la massoneria e la classe imprenditoriale (corrotta). Anzi, spesso i confini di queste organizzazioni si mescolano tra loro e diventano indefinibili ed indefiniti. È una città corrotta nella quale le connivenze sono andate abbondantemente al di là del livello di guardia.

Qui abbiamo due sole scelte: lasciare la nostra terra, oppure diventare organici a questo sistema. Potremmo avere una terza strada che è quella di lottare e resistere, ma sarebbe una lotta impari. Qui lo Stato è sconfitto signor Presidente. Qui le forze dell’ordine (e neanche tutte) combattono una vera e propria guerra, con la differenza che dall’altra parte, quella di massoni, n’ndranghetisti e politici corrotti, sparano con i kalashnikov, camminano con i Suv e hanno talmente tanti soldi (molti dei quali dai rubinetti pubblici) da fare arrossire Bill Gates. È un sistema collaudato che ha pervaso tutti i settori, anche quelli insospettabili. La piovra è diventata enorme e non ha più nemmeno bisogno di nascondersi perché, come dice il pm Pier Paolo Bruni, “il mafioso fa la parte del sindaco, decide i punti all’ordine del giorno del Consiglio comunale, decide il piano regolatore, le cose che la giunta deve approvare”.

È dura, durissima, signor Presidente.

Ci si sveglia al mattino con la speranza di non essere avvicinato da un uomo con la pistola o da uno in giacca e cravatta che ti propone di aiutarlo perché gli amici sono pronti a sostenerlo. In cambio? Un posto di lavoro ovviamente. C’è chi grida contro la ‘ndrangheta e poi va a fare incetta di voti nelle zone maggiormente controllate da loro, oppure ci va a mangiare insieme la pizza. Qui la ‘ndrangheta è ovunque e controlla tutto e quasi tutti.

Per loro non esiste destra e sinistra, non sono guelfi e ghibellini, ma un unico, forte e resistente gruppo di potere che ottiene soldi pubblici, soldi dal racket, dal traffico di droga e da mille attività illecite.

Questa è una città nella quale una parte della gente è collusa con questo sistema, un’altra parte non si espone (tra la paura e il poter tornare comunque utile non schierarsi), e il resto nemmeno si indigna più.

Lei deve immaginare, perché è così, il nostro territorio governato non dalle autorità e dalle forze italiane, ma dalle autorità e dalle forze della malavita. Il sistema è unico, b
asato su un solo principio: l’arricchimento e la gestione del potere a qualsiasi costo. Deve immaginare un modello di società ben collaudato nel quale esistono i vertici politici, quelli mafiosi e quelli imprenditoriali (spesso collimano). La ‘ndrangheta (intesa come l’insieme di malavitosi, politici, imprenditori, professionisti e massoni corrotti) ha ingegneri, architetti, giornalisti, avvocati, commercialisti ecc. Non ha bisogno di sparare. Quando lo fa è solo per ristabilire gerarchie di potere. Ognuno lavora per questo status quo. Per mantenere intatto il potere del politico e del mafioso che poi viene trasmesso su tutto quello che accade. E come ogni società organizzata ha i manager, i manovali, le strutture, le categorie (e ovviamente i killer).

Le assicuriamo Presidente, che non ci inventiamo niente (può chiedere al Prefetto o ai magistrati, quelli buoni però). Qui tutto è gestito secondo uno schema ben preciso. Quel poco di lavoro va a quelli segnalati dalla politica e dalla ‘ndrangheta. La maggior parte degli imprenditori che assumono queste persone sono gli stessi che ricevono grossi finanziamenti pubblici grazie all’aiuto dei politici e della massoneria, oltre che dalla ‘ndrangheta. Sono gli stessi che poi hanno grosse commesse con le pubbliche amministrazioni (come emerge da ultime inchieste della Magistratura). Troppi interessi signor Presidente, (anche da imprenditori del nord che non sono restii al “fascino” dalla ‘ndrangheta, perché li arricchisce) che bloccano lo sviluppo di questo territorio e fanno andare via le migliori menti, quelle più illuminate. Quando un crotonese decide di andare via è come se andasse in esilio. L’unica differenza è che rispetto all’esiliato puoi tornare a farti un bagno in uno splendido mare e poi subito scappare. Anche pezzi della magistratura e del giornalismo non sfuggono a questo sistema e non lo rifuggono, anzi a volte ne diventano parte integrante (l’ultimo esempio di Saviano lo può catapultare anche su alcune realtà crotonesi). L’ultimo schiaffo (in ordine cronologico) è l’elezione alla presidenza della Camera di Commercio di Crotone di un uomo che ha una condanna a 4 mesi per reati contro la pubblica a amministrazione e che è uno dei principali sostenitori di Europaradiso, con tutto quello che ha rappresentato la vicenda Europaradiso (vedi relazione Commissione antimafia). Ovviamente è un uomo legato a una parte politica ben precisa che fa riferimento ad un altro condannato eccellente in primo grado.

Le sembra normale, signor Presidente?

Qui la situazione è davvero drammatica. Non si ribella più nessuno o quasi.

Non abbiamo menti illuminate. Non abbiamo intellettuali capaci di guardare al futuro di questo territorio. Quei pochi intellettualoidi radical chick che vivono qui scrivono a comando e tirano fuori argomenti che fanno piacere al loro mentore politico (che bella libertà di pensiero!).

Crotone e la Calabria sono culturalmente mafiosi. Perché la mafia non è solo un modo di agire, ma anche un modo di pensare e di concepire la vita, la propria e quella degli altri. Chi resta si tappa occhi, naso e bocca (prima che glieli tappi qualcun altro, e per sempre) e cerca in qualche modo di tirare avanti (può immaginare con quale ottimismo e felicità). Pagando il pizzo e non denunciando. Perché non si sa mai chi raccoglie la tua denuncia. Forse la moglie di uno condannato in primo grado per concorso esterno in associazione mafiosa che lavora per anni nella stanza del Procuratore. Chi parla di Sud e di Calabria molte volte non sa di cosa sta parlando. La Calabria, come altre regioni, sono completamene in mano ad altre organizzazioni che non sono quelle dello Stato. Ma lo Stato dovrebbe controllare anche i suoi dipendenti collusi e qui ce ne sono. Se un magistrato osa indagare, succede la fine del mondo (non sto qui ad elencarle i casi). Qui capita che c’è un territorio (ex fabbriche Pertusola, Montedison) che ogni giorno sviscera veleni, in mare e in terra, e provoca morti di tumore, ma sembra non interessare a nessuno (e pure è dichiarata emergenza nazionale). Invece di chiudere in un angolo l’Eni e chiamarlo alle sue responsabilità, si firmano patti scellerati per un piatto di pasta e ceci oppure, come sta emergendo ultimamente, per rilanciare la chimica a Crotone. Ma siamo impazziti? E a promuovere questa “grande” idea è uno dei primi candidati al Consiglio comunale con i Verdi (complimenti), oltre che essere uno degli alfieri del Consigliere regionale condannato a 7 anni per concussione e reati contro la pubblica amministrazione.

Qui, signor Presidente, a Crotone non a Kabul, succede che scompaiano miliardi di euro di finanziamenti pubblici e non si sa che fine fanno (Contratto d’Area, sovvenzione globale, L.488). Le fabbriche chiudono, i soldi arrivano e i soliti noti spartiscono la torta.

Qui signor Presidente, a Crotone non a Kabul, succede che arrestano nel giro di pochi anni, o forse mesi, l’ex presidente della Camera di Commercio, l’ex Presidente della Provincia (già sindaco della città) e l’ex Vicepresidente della Provincia (attualmente consigliere regionale con condanna in primo grado), arrestano un ex assessore regionale e consigliere provinciale, si devono dimettere perché indagati due assessori provinciali, indagano e condannano, per concorso esterno in associazione mafiosa, il presidente di Confindustria e vice presidente regionale degli industriali. Arrestano il presidente del Nucleo industriale per tangenti (colto con tanto di foto in flagranza di reato), arrestano il Vicedirettore dell’Ufficio dogane per tangenti, arrestano e denunciano il direttore dell’Ufficio del lavoro e tanti collaboratori per truffa.

Nelle indagini tra mafia, massoneria, e finanziamenti pubblici, qui a Crotone e non a Kabul, finiscono indagati anche preti legati ai cavalieri di Malta. Cos’altro deve succedere perché chi di dovere si renda conto di cosa sia Crotone? Oppure chi di dovere fa affari con i crotonesi? Crotone, signor Presidente, è un enclave di illegalità in una Europa che cerca di guardare oltre. Lei è il Presidente della Repubblica italiana, ma di questa Repubblica non fa parte il territorio crotonese, ci creda. Qui il presidente della Repubblica non esiste, perché qui è tutta “cosa loro”. Perché qui le regole non sono scritte, ma le rispettano tutti e non sono regole della Repubblica italiana. Intervenga signor Presidente e lo faccia in fretta. Venga a vedere con i suoi occhi ne hanno bisogno i cittadini onesti di Crotone, ormai pochi, che vivono uno stato di dittatura mafiosa, culturale, politica ed economica. Per il resto va tutto bene. 

 

=”MsoNormal” style=”MARGIN: 0cm 0cm 0pt; TEXT-ALIGN: justify”>

Crotonesi onesti per dimostrare che non raccontiamo favole (tratto da giornali, agenzie e media dell’epoca  n.d.a):

1)L’imprenditore Luigi Siciliani è indagato per il crack dell’azienda
agroalimentare “La Giara”. Coinvolti anche due commercialisti

Crotone, arrestato per bancarotta il presidente della Camera di Commercio

Tra i truffati anche Samaritana Rattazzi, nipote di Gianni Agnelli (23 maggio 2006)

2) Crotone, arrestato presidente ProvinciaCarmine Talarico, 49 anni, Ds, è ai domiciliari per presunti illeciti negli appalti. Coinvolti altri politici e imprenditori(2 luglio 2001)

3)Appalti, arrestato Enzo Sculco vicepresidente della Provincia

Il Tribunale di Crotone presieduto da Maria Luisa Mingrone (Rosa Larocca e Michele Sessa a latere), ha emesso in serata la sentenza per il c.d. “Processo alla Provincia”, relativo al fascicolo dell’inchiesta “Sculco + 14”, condannando a sei anni di reclusione  l’ex Presidente della Provincia, Carmine Talarico (Ds) e a 7 anni Vincenzo Sculco, all’epoca dei fatti vice Presidente, attualmente capogruppo dei deputati della Margherita alla Regione Calabria. Per entrambi il Tribunale ha disposto come pena accessoria la interdizione perpetua dai pubblici uffici. Il “padre di tutti i processi” agli esponenti di primo piano del centrosinistra crotonese ha riguardato l’indagine su presunte irregolarità nella gestione di appalti e concorsi alla Provincia prima del 2001. (2 febbraio 2007)

Nella sua qualità di ex Presidente della Provincia di Crotone, peraltro, Talarico era stato condannato in un’altro processo il 10 ottobre scorso a tre anni ed otto mesi (pena ridotta per indulto) per corruzione e truffa, insieme a Donato De Pietro, l’editore della tv crotonese Rti. (Questo secondo processo è andato in prescrizione in appello)

4) Crotone, le mani della cosca sul turismo, arrestato consigliere regionale

Ancora intrecci tra politica e mafia in Calabria novantasei indagati, di cui otto amministratori locali Coinvolto un consigliere regionale, Dionisio Gallo, Udc, vicepresidente della commissione regionale antimafia. E’ accusato di corruzione. Nell’elenco, tra gli altri, i nomi del sindaco di Botricello, Giovanni Puccio, Ds, di suo fratello Giuseppe Puccio (Prc), assessore allo Sport della Provincia di Crotone, e del cugino, Antonio Puccio, assessore all’Urbanistica del comune di Botricello; di Antonio Megna (Udeur), assessore della Provincia di Crotone alle politiche sociali. Nella stessa inchiesta indagato il presidente di Confindustria Crotone e presidente dell’Fc Crotone calcio, Raffaele Vrenna. (28 dicembre 2006)

Processo Puma, sedici condanne e trentatrè assoluzioni 

Tra le condanne spiccano quelle del presidente del Crotone calcio ed ex vertice degli industriali crotonesi, Raffaele Vrenna, al quale sono stati inflitti 4 anni di reclusione con l’aggravante del metodo mafioso. Quattro anni anche a Dionisio Gal
lo, attuale consigliere regionale (ex Udc, recentemente passato con il Pdl), finito nell’inchiesta per fatti risalenti a quando ricopriva la carica di assessore regionale alla Forestazione. L’ex assessore provinciale di Crotone, Giuseppe Puccio, dovrà scontare invece tre anni di reclusione così come Giovanni Puccio, sindaco di Botricello (Catanzaro); ad entrambi veniva contestato l’abuso d’ufficio con l’aggravante (riconosciuta) del metodo mafioso.
(14 Giugno 2008)

5)Tangenti. Consigliere comunale di An arrestato a Crotone, i carabinieri lo hanno filmato mentre prendeva denaro. Ai carabinieri che lo avevano ripreso mentre intascava una busta contenente denaro, il presidente del Consorzio industriale di Crotone Carlo Turino ha dichiarato che si trattava di un “contributo” al partito.

6)Il vice direttore dell’ufficio Dogane di Crotone, Sergio Proietto, di 57 anni, è stato arrestato dai carabinieri del reparto operativo perché sorpreso mentre stava ritirando una somma di denaro dal titolare di una azienda che era sottoposta ad accertamenti (17/11)

7) Ufficio del lavoro: scattano denunce e arresti. Operazione dei Carabinieri di Crotone.

8)Le mani della ‘ndrangheta sulla “488”- Operazione della Guardia di Finanza nel Crotonese. Indagate 21 persone, tra queste c’è anche un parroco

CROTONE. “Questa indagine conferma che i mafiosi sono entrati alla grande nella legge 488”: è quanto ha affermato il procuratore Mariano Lombardi coordinatore della Direzione distrettuale antimafia, nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta venerdì 10 novembre a Crotone per illustrare l’operazione “Wood Line” condotta dalla Guardia di Finanza. Un’indagine che vede indagate 21 persone accusate di associazione per delinquere finalizzata alla malversazione a danno dello Stato, truffa aggravata, riciclaggio, istigazione alla corruzione, ricettazione, corruzione, turbata libertà degli incanti, con l’aggravante di aver agito con modalità mafiose. Tutta la vicenda ruota intorno al “Consorzio mediterraneo del legno”.In questo contesto si inquadra la figura di un sacerdote che figura tra le persone indagate; si tratta di don Francesco Giungata, 35 anni, parroco della chiesa di Santa Rita di Crotone, che si sarebbe prodigato per fare ottenere a Cavarretta la certificazione antimafia necessaria alla Catarsi Marine.

Giorgio Greco

  • anonimo |

    Enzo Sculco: truffa aggravata e falso
    Il Giudice per l’Udienza Preliminare del Tribunale di Crotone, ha disposto il rinvio a giudizio di Vincenzo Sculco, capogruppo della Margherita in Consiglio regionale e leader indiscusso del centrosinistra crotonese.
    Truffa e falso ideologico: di questo dovrà rispondere in Tribunale a partire dal prossimo 10 maggio. Questa nuova vicenda processuale riguarda due presunti corsi di formazione fantasma, che risale agli anni 2001 e 2002, quando Sculco era amministratore dello “Ial Calabria”.
    Secondo l’accusa l’ente privato avrebbe incassato indebitamente un finanziamento pubblico di 288.628.720 lire per lo svolgimento di due corsi di formazione che in realtà non sarebbero stati mai tenuti.
    Insieme a Vincenzo Sculco sono stati rinviati a giudizio anche Tommaso Vallone (30 anni) e Francesco Aprigliano (28 anni), che in quell’occasione figuravano come “tutor” nei corsi, e che secondo il PM avrebbero attestato falsamente la regolare esecuzione delle lezioni. Il GUP ha invece prosciolto in sede di Udienza preliminare i docenti dei due corsi: Carla Bisceglie (53 anni), Adele Arcuri (40 anni), Vincenzo Rocco (38 anni), Francesco Vizza (38 anni) e Alessandro Labonia (42 anni).
    Anche il fratello Giuseppe Sculco (51 anni), amministratore del “Corpo Vigili notturni di Crotone” insieme al suo caposervizio Antonio Calabrese (45 anni), saranno processati per il reato di violenza privata per presunte pressioni nei confronti di tre dipendenti dell’Istituto beneficiario dei due corsi di formazione. Secondo l’ipotesi accusatoria, Sculco e Calabrese avrebbero costretto i sottoposti a firmare falsamente il registro delle presenze dei corsi.
    [AlVal]

  • galullo |

    Caro e simpatico pensionato,
    grazie per il suo commento. Sono anche io ceto che sul territorio molti sappiano molto, o tutto. Questo pero deve far riflettere e io pongo sul piatto due riflessioni: 1) la prevenzione, che è più importante della repressione, dipende proprio dai comportamenti virtuosi dei singoli. Se ciascuno si comportasse secondo natura e leggi, non si dovrebbe neppure consentire che ci sia chi vende prodotti taroccati (solo per rimanere al suo esempio). Se non c’è domanda, infatti, non c’è offerta. Il punto è che noi italiani crediamo che esistano reati o schifezze di serie A e poi quelle di serie B, C….Z. Ricordo che quando ero ragazzo alcuni miei amici giocavano e spesso alle scommesse clandestine. Avrò avuto 16 anni al massimo e dicevo loro: ma non sapete che così date i soldi ai criminali? Nel migliore dei casi la risposta era una risata, nel peggiore un “vaffa”. La Prevenzione dunque, sulla quale credo ci sia ancora molto da fare: 2) repressione. E’ vero, come dice lei e lo ripeto, che sul territorio molti sanno tutto o quasi ma se non c’è lo Stato, non molti (anzi nessuno) è disposto a fare l’eroe. E anche laddove lo Stato c’è chi denuncia spesso si infarina in una melma inestricabile perché le leggi sembrano fatte apposta per scoraggiare la legalità. Per la mia esperienza – soprattutto volta al centro-sud – le Forze dell’Ordine e la magistratura ce la mettono tutta e, comunque, non dimentichiamo che devono seguire le priorità. Altrimenti finisce come con il capo della Procura della Repubblica di Palermo (non voglio neppure citarne il nome) che a inizio anni Novanta voleva che Giovanni Falcone anteponesse le indagini sui mercanti abusivi a quelle di mafia.
    Infine sulla durezza delle pene: guardi mi accontenterei se si facessero rispettare quelle comminate
    Saluti
    roberto

  • conterno raffaele |

    EGREGIO SIG.GARULLO,CHI LE SCRIVE E’ UN PENSIONATO DI SANREMO
    CHE A 62 ANNI NON HA ANCORA CAPITO COME FUNZIONA IL SISTEMA.
    MI SPIEGO MEGLIO.
    SE SI CHIEDE AD UN QUALUNQUE CITTADINO DELA NOSTRA CITTA’,SPECIALMENTE DELLA PARTE VECCHIA,DOVE SI SPACCIA LA DROGA,CON MOLTA FACILITA’SAPRA’INDICARCI NON SOLO IL LUOGO MA FORSE ANCHE IL TIPO.SE ALLA STESSA PERSONA CHIEDIAMO DOVE PROCURARCI PRODOTTI GRIFFATI TAROCCATI,SARA’ANCORA PIU’ FACILE.SE QUESTA PERSONA E’ INSERITA NEL TESSUTO COMMERCIALE DELLA CITTA’E LE CHIEDIAMO CHI SONO I MISTER(UNA VOLTA 5%)10%
    PROBABILMENTE SAPRA’ INDICARCELI.LO STESSO POTRA’INDICARCI PER
    PROPRIA ESPERIENZA O PER ESPERIENZA DI AMICI O CONOSCENTI I VARI “CRAVATTARI” LEGGI STROZZINI.
    PER FARLA BREVE,IL POPOLO CONOSCE MOLTO BENE TUTTO CIO’ CHE SUCCEDE ACCANTO A LUI,SOLO LE AUTORITA’STRANAMENTE NON SANNO NULLA.CHE FANNO?”CI MARCIANO”?
    OBIETTIVAMENTE,I NOSTRI PROBLEMI DERIVANO DA COMPORTAMENTE RADICATI COSI PROFONDAMENTE NELLA NOSTRA SOCIETA’CHE RISANARLI
    NON SARA’FACILE MA BISOGNA PUR COMINCIARE.
    E PER COMINCIARE DIAMO LA POSSIBILITA’A TUTTI DI POTER DENUNCIARE TUTTO CIO’ CHE ACCADE IN MODO SICURO,ANCHE IN ANONIMATO.I MEZZI CI SONO:TRAMITE INTERNET,POSTA,NUMERO VERDE
    ECC.ECC.E DI CONCERTO PER ALCUNI REATI PARTICOLARMENTE ODIOSI,
    ALZIAMO LE PENE,NON TANTO QUELLE DETENTIVE QUANTO QUELLE PECUNIARIE, AD ESEMPIO:PER USURA,ASSOCIAZIONE MAFIOSA,PIZZO,
    FURTI TRUFFE E/O APPROPRIAZIONI DI DENARO E/O ATTREZZATURE OSPEDALIERE,ARRIVARE FINO ALLA CONFISCA TOTALE DEI BENI.
    POTREI CONTINUARE MA COME INIZIO POTREBBE BASTARE.
    SE VOLESSE CONTATTARMI, HA LA MIA MAIL.
    NELL’ATTESA,LA SALUTO CON SIMPATIA. RAFFAELE

  • bartolo |

    Caro Paolo,
    ti rispondo con la lettera di oggi al Quotidiano della Calabria. Sono (per il nostro stato uno ‘ndranghetista) un dipendente di una cooperativa sociale che da quattro mesi non percepisce lo stipendio, oltre ad arginare la furia di circa 90 tra dipendenti e collaboratori che a vario titolo lavorano, coordinati da me, in assenza di retribuzione mensile.
    Gentile De Luca,
    è il quarto mese che l’Azienda Sanitaria di Reggio Calabria non onora il debito (a fronte delle prestazioni comunque erogate) con le cooperative sociali (circa 200 dipendenti) che per suo conto ed unitamente al suo personale sanitario (quest’ultimi pagati regolarmente) gestiscono le strutture psichiatriche della città e provincia. Eppure, l’articolo 20 della legge regionale 5/2000 prevede il pagamento dei corrispettivi dovuti alle cooperative sociali, contestualmente ai dipendenti pubblici.
    Per quanto mi riguarda, nessuna meraviglia! Prendo atto del mancato rispetto delle leggi da parte degli attuali despoti regionali, ma anche nazionali. Ricordo ancora la gioia durante la scorsa campagna elettorale quando Loiero ad ogni uscita pubblica nella provincia reggina ribadiva lo stato scandaloso cui versava la SA-RC impegnandosi, già da allora, a far si di essere quello, in parità con l’abbattimento della ‘ndrangheta, i primi due punti del suo programma governativo da attuare qualora avesse vinto le future elezioni. Le elezioni le ha vinte con un plebiscito bulgaro. Eppure, la SA-RC è peggiorata in proporzione diretta al miglioramento della ‘ndrangheta che ha conquistato nel frattempo il primato mondiale delle organizzazioni criminali.
    Con la solita stima bartolo iamonte.

  • paolo |

    Signor Iamonte,
    Lei è calabrese – conosce bene i politici della sua terra – e presume che i vertici del PD dicano ‘’che quelli (i politici calabresi) non chiacchierati sono più collusi degli idioti che si son fatti scoprire?’’
    Se quella che descrive è la realtà politica calabrese non posso che condividere con lei, che ‘’la tragedia della Calabria è molto complessa’’!
    Seguendo il suo ragionamento per logica condividerà che dovremo inserire il signor Enzo Sculco tra i politici ‘’che si son fatti scoprire’’ perché altrimenti in alternativa potremo collocarlo solo nell’altra categoria, cioè tra ‘’quelli non chiaccherati’’, non crede?
    Comunque sia, secondo il suo ragionamento, non cambierebbe molto.
    Cosa ne pensa?
    Oppure esistono anche altre categorie di politici?
    Per quanto concerne il riferimento agli ‘’sciacalli, indigeni e non’’ non riesco a seguirla e pertanto non posso esprimerle una mia opinione.
    Però una domanda per lei l’avrei: secondo Lei “La ‘ndrangheta a Crotone (e in calabria) non ha know how. E’ un fenomeno letterario”.?
    Come risolverebbe lei, da calabrese, la tragedia della Calabria?
    Cordiali saluti
    paolo

  Post Precedente
Post Successivo