Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Mariagrazia Blefari santa subito! In Calabria si oppone agli appalti truccati e per questo la vogliono uccidere in treno

Il nome Mariagrazia Blefari non vi dirà nulla. Eppure fareste bene a mandarlo a memoria perché è una donna, dirigente della Provincia di Reggio Calabria, a capo per diversi mesi della Stazione unica appaltante.

Se non fosse stato per lei l’operazione Ceralacca, con la quale la Procura della Repubblica e la Gdf il 7 marzo hanno mandato all’aria l’ennesima porcata su gare falsate e assegnazioni truffa negli appalti, semplicemente non sarebbe esistita.

Secondo quanto accertato dalla Guardia di finanza, alcuni funzionari pubblici consentivano ad alcuni imprenditori di accedere alla cassaforte dove erano conservate le offerte delle varie ditte che partecipavano alle gare di appalto. Gli imprenditori prendevano tutto l'incartamento e lo portavano nei propri uffici dove, dopo avere rimosso la ceralacca sulla busta (ecco dunque il nome dell'operazione), controllavano le offerte degli altri e inserivano la propria che risultava quindi la migliore. Poi richiudevano la busta e la sistemavano al proprio posto in cassaforte. Così facendo, quattro imprenditori riuscivano ad aggiudicarsi le gare di appalto.

Questa donna che – forse per salvarle la vita – la Provincia ha deciso di richiamare nel proprio seno e assegnarle un nuovo incarico, ha avuto il coraggio di denunciare il marcio che, negli uffici, se non era la regola poco ci mancava.

La sua storia – e quella che descriverò domani di un altro funzionario e che ho raccontato anche nel Rapporto Calabria che oggi, mercoledì 28 marzo esce in allegato al Sole-24 Ore – merita di essere raccontata perché testimonia l’esistenza di una Calabria diversa da quella che siamo solidi descrivere noi giornalisti. Una Calabria onesta, pulita, che – spiace dirlo – rappresenta l’eccezione a una regola. La regola della corruzione. L’altra faccia della mafia.

Che l’operazione Ceralacca non sarebbe esistita senza il coraggio di questa donna lo dice chiaro e tondo il Gip Cinzia Barillà quando, nell’antefatto scrive: “….la dott.ssa Mariagrazia Blefari in data 11.08.2011 si presentava dai militari del Gico della Guardia di Finanza e riferiva quanto segue….

E quel che racconta è da brividi perché secondo l’accusa smaschera – anche grazie all’uso di riprese e fotografie – un sistema di dipendenti infedeli e imprenditori senza scrupolo. I primi consentivano il libero accesso – fuori dagli orari di ufficio – degli imprenditori che erano così liberi di conoscere le buste di offerta; con quante e quali imprese compilare le liste delle ditte da invitare a partecipare alle gare; sapere quante e quali imprese avevano presentato le offerte, modificare buste con le offerte (per poi risigillarle) e così via.

Un sistema smascherato anche grazie ad una rete di altri dipendenti fedeli dei quali mi fa piacere riportare i nomi (Giuseppina Libri e Santo Placanica) che il 10 agosto telefonano a Blefari per informarla che una delle buste relative alla gara di appalto per il consolidamento e il risanamento di un’area a rischio indetta dal Comune di Placanica era stata "rinvenuta" casualmente sul divano (e non nella cassaforte come vuole la prassi in prossimità dell'adunanza pubblica per l'apertura delle buste).

L'addetta alla protocollazione – Silvia Macheda – e l’istruttrice amministrativa – Cecilia Sacca (altre donne che fanno il proprio mestiere) riferiscono di avere messo le buste di gara nella cassaforte, escludendo – categoricamente – la possibilità di una perdita accidentale del plico rinvenuto sul divano (per esempio durante il trasporto).

Più chiare e nette di così si muore.

Guardando e riguardando i video della sorveglianza, Blefari & C beccano un “factotum”, in possesso anche delle chiavi degli uffici, che fa avanti e indietro. Ovviamente non traggono alcuna conclusione: si limitano a fornire il materiale alla Guardia di finanza (per la cronaca il factotum sarà arrestato).

Ma non basta. Il trio di “donne terribili” e il buon Placanica – su ordine di Blefari – effettuano una sorta di screening delle buste per la gara indetta per il Comune di Placanica, per verificare eventuali effrazioni ovvero manomissioni delle stesse. E Blefari cosa fa? Fornisce le fotografie su files alle Fiamme Gialle. Svizzera!

Le indagini faranno poi il loro corso e metteranno in luce sistematiche manomissioni alle offerte e in sintesi un sistema pilotato, anche con l’aiuto di personaggi estranei alla Stazione unica appaltante, per l’aggiudicazione delle commesse.

A MORTE!

Il comportamento integerrimo della dirigente e dei suoi colleghi non poteva ovviamente passare inosservato all’”allegra associazione” che correva così il rischio di vedersi sgretolata una macchina che girava a meraviglia.

La sala ascolto della Guardia di finanza il 3 novembre 2011, alle ore 8.55 intercetta il dialogo tra Giuseppe Bagalà (proprietario di una delle società che vincevano gli appalti, Ediltech di Gioia Tauro, ora sequestrata) e il figlio Francesco. Entrambi sono stati arrestati.

I due commentano il fatto che negli uffici della Stazione unica appaltante si è venuto a creare un clima di ostilità nei loro confronti e che le ultime vicissitudini sono da attribuire alla dirigente Mariagrazia Blefari, per l'eccesso di zelo nello svolgimento della propria attività. Una profonda avversione nei confronti della donna e dei suoi collaboratori che si manifesta nel proposito di vendicarsi utilizzando "una bomba per farli saltare tutti in aria" oppure di "andare con un camice bianco, per non sporcarsi, quando sale sul treno, quando è a Melito, là per Ferruzzano, per coso, esce il coltello, le tira due coltellate nella pancia e la getta a mare in quelle .. .

I due – annota la Procura – non mancano di manifestare propositi di vendetta e di rappresaglia da compiersi attraverso sia aggressioni fisiche che attraverso danneggiamenti (peraltro, dalla conversazione da riportata risulta evidente che i Bagalà sono perfettamente al corrente degli spostamenti di Blefari, visto che la stessa risiede a Bovalino e compie il viaggio in treno attraversando anche Melito di Porto Salvo).

La serietà di tali propositi apparirà chiara agli inquirenti. “Francamente il quadro che se ne delinea è dotato di una capacità dimostrativa fuori dal comune direttamente proporzionale allo sdegno che le parole dei Bagalà suscitano – si legge nell’ordinanza – allorché programmano con straordinaria crudezza ed efferatezza di eliminare fisicamente quello che loro ritengono essere il principale personaggio d'ostacolo all'attuazione del loro clamoroso piano criminale: la dottoressa Blefari. E come anticipa il Pm, tristemente, non si tratta di meri propositi rimasti murati nella sfera ideativa dei dialoganti senza alcuna trasfusione nel reale (pi

  • Santo |

    Caro Roberto
    Lei ha raccontato la verità di questa vicenda, che tutti (Procura + media) invece hanno coinvolto la mia persona.
    La ringrazio con tutto il cuore.
    Il cuore di chi è stato infamato di una cosa indegna che non ha commesso.
    La ringrazio solo oggi perchè
    è da qualche giorno la notizia “distribuita dai media” con i nomi delle persone che dovranno comparire davanti al GUP per l’operazione “Ceralacca” ed io non ci sono.
    Non essendo fra questi, per deduzione, ritengo, anche per le notizie del mio avvocato, che hanno archiviato la mia posizione.
    La verità che ha raccontato è l’unica verità dei fatti GRAZIE.
    Ritengo, comunque, che non sia GIUSTO che la “GIUSTIZIA”, a distanza di tre anni e dopo avermi regalato questa “VETRINA” e quant’altro, non abbia il tempo e la sensibilità di produrre il “decreto di archiviazione” che formalizzi la mia assoluta estraneità a questa vicenda.
    Mi scusi per il mio sfogo
    LA RINGRAZIO.

    SEGUE FIRMA

    Le chiedo la riservatezza di quanto sopra scritto.

  • Christian Ciavatta |

    Persone come la Dott.ssa Blefari mi fanno sentire fiero di essere italiano, perché anche di fronte alla morte scelgono comunque di servire lo Stato. Queste persone mi fanno sperare in un futuro migliore per il nostro Paese. Grazie Roberto per raccontarci le loro storie, abbiamo tutti bisogno di conoscerle, bisognerebbe parlarne diffusamente su tutti i mass media. Sono persone come noi, che vivono le loro vite normali, che possiamo trovare in treno di fianco a noi. Ma a differenza di molti di noi sono persone che vivono con un profondo senso dello Stato e delle Istituzioni, e che fanno del senso del dovere una scelta di vita, anche di fronte al rischio di essere uccisi. Sono autentici servitori dello Stato. Dobbiamo tutti cercare di essere alla loro altezza, e all’altezza di quelli che per la stessa scelta di vita sono state uccise in oltre un secolo e mezzo di antimafia.

  Post Precedente
Post Successivo