Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Nitto Palma oggi a Reggio fa i conti con il veleno della Cassazione nella coda del “decreto Cisterna”

La parte più velenosa del decreto 306/2011 con il quale il Procuratore generale della Cassazione Giovanni Salvi il 15 settembre ha affermato la competenza giudiziaria di Reggio Calabria sulle indagini per corruzione in atti giudiziari del numero due della Dna Alberto Cisterna, è nelle ultime due righe.

Le riporto testualmente: “Copia degli atti e dell’originale della memoria in data 1° settembre 2011 vengono trattenuti per gli accertamenti disciplinari”. Ah i saggi amici Fedro e Marziale avevano ragione : in cauda semper stat venenum…

A quale memoria e a quali atti si riferisce la Cassazione? Alla memoria integrativa dei legali di Cisterna con i quali si segnala che l’ ufficio requirente reggino era a conoscenza di circostanze rilevanti ai fini della valutazione della posizione di Cisterna sin dal 2010. Inoltre, quelle memorie evidenziano che ci sono fatti rilevanti sul pm delegato dal Procuratore Giuseppe Pignatone (Beatrice Ronchi). Circostanze che debbono essere sottoposte ad accertamenti: in primis in sede disciplinare ed eventualmente in quella penale.

Ora la domanda – e strano che nessuno ci abbia fatto caso – è: ma perché mai la copia degli atti (ergo: la fotocopia) e l’originale vengono trattenuti per gli accertamenti disciplinari dalla Cassazione stessa e non vengono invece trasmessi alla Procura di Reggio Calabria?

Secondo la mia opinione che ovviamente, come tutto nella vita, può essere fallace, semplicemente la Cassazione non vuole che la Procura di Reggio legga i dettagli della difesa di Cisterna.

Chissà se un ministro (ex magistrato antimafia) come Nitto Palma, in visita ecumenica oggi a Reggio Calabria (salvo contrordini) lo avrà notato. Sicuramente.

Come altrettanto sicuramente avrà modo di verificare come anche la Procura generale si trova esposta in prima linea.

Insisto su un concetto che mi è caro e che tante volte ho espresso su questo blog: intorno agli uffici giudiziari governati da Salvatore Di Landro si gioca una partita delicatissima per le partite giocate (a partire dal famoso processo cosiddetto “Rende”) e per quelle ancora da giocare.

Le partite già giocate le riassumo:

1)    Processo “Cento Anni di Storia sulle attività criminali delle cosche Piromalli e Molè di Gioia Tauro, per anni federate e di recente in guerra. Il processo traccia uno spaccato sulle attività criminali di una delle cosche più potenti, più influenti (sono stati coinvolti due sindaci e vari amministratori), più solida economicamente (controllo del porto di Gioia Tauro e varie attività imprenditoriali varie).

2)     Processo all’ex consigliere regionale Domenico Crea sulle attività del gruppo familiare Crea (gestione di Villa Anya, associazione mafiosa e vari reati contro la pubblica amministrazione), con uno spaccato formidabile sulla ascesa politica di Crea, la contrapposizione a Francesco Fortugno poi assassinato il 16 ottobre 2006, i legami con i mandanti dell’omicidio Fortugno (Marcianò padre e figlio) e i legami accertati con noti mafiosi;

3)     Processo alla cosca Iamonte, potente e numerosa cosca del basso Jonio reggino, alla quale si contestano numerosi episodi di estorsione, associazione mafiosa e traffico di esplosivo.

4)     Processi  riconducibili alle cosche Alvaro, Pesce, Labate, Libri , Cataldo Cordì.

E nel prossimo futuro? Arriba arriba! Condello, arriba arriba! Tegano e numerosi processi a carico delle potenti cosche di Africo, Platì e Gioiosa Jonica.

Benvenuto, ministro Nitto Palma, nei veleni reggini descritti nell'intervista che ieri ho fatto su questo blog all'onorevole Angela Napoli.

(rimando dunque anche ai post in archivio del 19, 20 e 25 settembre)

r.galullo@ilsole24ore.com

p.s. Invito tutti ad ascoltare la mia trasmissione su Radio 24: “Sotto tiro – Storie di mafia e antimafia”. Ogni giorno dal lunedì al venerdì alle 6.08 circa. Potete anche scaricare le puntate su www.radio24.it. Attendo anche segnalazioni e storie.

p.p.s. Il mio libro “Economia criminale – Storia di capitali sporchi e società inquinate” è ora acquistabile con lo sconto del 15% al costo di 10,97 euro su: www.shopping24.ilsole24ore.com. Basta digitare nella fascia “cerca” il nome del libro e, una volta comparso, acquistarlo

  • Paola |

    Ben venga che un Ministro della Repubblica si rechi in visita nella nostra città e che prometta la concreta realizzazione di un carcere x ovviare al svraffollamento..ma nulla ha detto in merito agli ultimi avvenimenti che hanno interessato la magistratura, come se andasse tutto bene. C’e’ un magistrato che teme x la sua vita e lo dice pubblicamente, nella speranza di smuovere le acque, ci sono magistrati accusati, non so se giustamente o ingiustamente, da altri magistrati di fatti che di per se’ sarebbero gravissimi se toccassero un semplice cittadino, figuriamoci un giudice, e x i quali si deve dare chiarezza al più presto. C’e’quello stessso giudice accusato che a sua volta avrebbe, da quanto leggo dai giornali e dai suoi articoli, mosso altre accuse nei confronti dei suoi accusatori. Ci sn presunti mafiosi che si pentono nel giro di pochi giorni quando il pentimento richiede normalmente un certo periodo gestazione e di meditazione…ma qui di normale c’e’ ben poco. C’e’ una lettera aperta al Ministro da parte dei dirigenti degli uff giudiziari. Ma x il sig Ministro va tutto bene madama la marchesa, va tutto bene a Reggio calabria

  Post Precedente
Post Successivo