Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Per la Dna San Marino è ancora ad altissimo rischio di riciclaggio e invoca più poteri per Bankitalia

San Marino vuole entrare nei Paesi della cosiddetta white list in tema di antiriciclaggio ma “mancano del tutto i presupposti relativi”. Anzi, “non si può certo sostenere che San Marino non sia ad alto rischio di riciclaggio”.

Nero su bianco è quanto scrive il sostituto procuratore nazionale antimafia Pier Luigi Maria Dell’Osso nella relazione 2011 della Direzione nazionale antimafia.

Il magistrato ricorda come il 31 marzo 2009 il ministro degli Esteri Franco Frattini abbia firmato un accordo-quadro (una sorta di mozione di principi la definisce testualmente Dell’Osso) in materia economico-finanziaria, cui ha fatto seguito, a fine anno, un accordo di cooperazione finanziaria. Tutto nella prospettiva di procedere ad appositi protocolli di contenuti, che realizzassero in concreto una effettiva collaborazione.

Negli accordi-quadro non rientrano intese di carattere fiscale: “il che costituisce questione di cospicua rilevanza, posto che nella legislazione sammarinese gli illeciti fiscali non costituiscono reati”, chiarisce Dell’Osso.

Per essere ancora più chiaro nell’analisi sui rapporti tra i due Stati, il magistrato fa riferimento alla vicenda giudiziaria relativa alle iniziative della Procura di Forlì nei confronti di esponenti bancari di San Marino. Questa vicenda testimonia, afferma Dell’Osso, “la specifica esigenza che gli eventuali accordi con San Marino debbano farsi carico della elisione di ogni strumento e modalità operativa in tema bancario-finanziario, che non diano ogni garanzia sotto il profilo dell’antiriciclaggio

E chi deve controllare che San Marino non ciurli nel manico? Ma Bankitalia, chi altro? “In ogni caso non possono sussistere ragionevoli dubbi sul fatto che Bankitalia debba avere ogni utile potere in punto di vigilanza, possibilità d’ispezioni e così via, su ogni proiezione bancaria sammarinese. E’ da oltre un quinquennio che Bankitalia ha sollevato una serie di questioni fondamentali, senza che da parte di San Marino si sia andati al di là di ampie dichiarazioni di disponibilità, di volta in volta smentite dalla realtà”.

Ce n’è anche per l’ultima legge sul segreto bancario. “risultata in concreto deludente”. Sul fatto che Bankitalia debba ampliare i propri poteri di vigilanza, controllo e sanzione, Dell’Osso non ha alcun dubbio. “Bankitalia –scrive il magistrato – non ha consentito alle banche di San Marino di operare in Italia, ma ciò è avvenuto comunque, illegalmente. Valga per tutti l’esempio di un Gruppo, attraverso la quale la Banca di Risparmio di San Marino svolgeva di fatto attività bancaria in Italia. Emblematici risultano, altresì, i collegamenti tra l’intermediario sammarinese Asset banca e la Banca di Credito e Risparmio di Romagna”, nei confronti della quale Bankitalia ha dapprima disposto la gestione provvisoria e successivamente l’assoggettamento ad amministrazione straordinaria, conclusasi con la cessione del pacchetto di controllo della banca italiana ad altro intermediario.

r.galullo@ilsole24ore.com

p.s. Invito tutti ad ascoltare la mia nuova trasmissione su Radio 24: “Sotto tiro – Storie di mafia e antimafia”. Ogni giorno dal lunedì al venerdì alle 6.45 circa e in replica poco dopo le 00.05. Potete anche scaricare le puntate su www.radio24.it. Attendo anche segnalazioni e storie.

p.p.s. Il mio libro “Economia criminale – Storia di capitali sporchi e società inquinate” è ora acquistabile con lo sconto del 15% al costo di 10,97 euro su: www.shopping24.ilsole24ore.com. Basta digitare nella fascia “cerca” il nome del libro e, una volta comparso, acquistarlo

  • gigio.... |

    Caro Dott Galullo,
    notizia di pochi minuti fa…
    Il Consiglio dei Ministri, su proposta del ministro dell’Interno, Roberto Maroni, ha disposto lo scioglimento del consiglio comunale di Bordighera (Imperia), per infiltrazioni della criminalita’ organizzata. E’ la prima volta che in Liguria una pubblica amministrazione e’ sottoposta a questo tipo provvedimento. La decisione del Viminale e’ arrivata al culmine di una vicenda giudiziaria sfociata la scorsa estate con l’arresto di otto imprenditori.

  • De Sade |

    Riciclaggio? Non solo soldi ma anche farina!
    Il futuro di San Marino è assicurato.
    Dopo che nelle scuole si è mangiato pane alla camorra ci si è sperticati nel dire di aver operato correttamente. Il segretario alla cultura dice addirittura di aver operato burocraticamente, (proprio quello che deve fare un politico. sic).
    Il suo compagno di partito gli da man forte dicendo che il pane alla camorra rispondeva agli standard igienici.
    Il collega di governo dice che il forno sfamava mezza Emilia Romagna (salvo poi essere smentito).
    Nessuno insomma che abbia detto: dare una licenza ai Vallefuoco è stata un’emerita stronzata!
    Ma la domanda però è anche un’altra: chi ha istruito la pratica per richiedere la licenza?

  Post Precedente
Post Successivo