Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Esclusivo/1 I miliardi del narcotraffico, la ‘ndrangheta e quei versamenti nelle banche di San Marino

C’è una fantastica coincidenza, per chi scrive di economia criminale, che si ripete scientificamente ogni qualvolta (o quasi) si leggono i decreti di fermo, le intercettazioni telefoniche o ambientali e le ordinanze che riguardano i mafiosi o i presunti mafiosi: la presenza di San Marino come terminale dei soldi sporchi.

Ovviamente a San Marino nessuno se ne vuole accorgere. Sul Titano il problema è il traffico, ma non quello del denaro sporco.

STAMPA, MEDIA LOCALI E CASALI

Leggo sulla Tribuna sammarinese del 7 dicembre a pagina 6 che una formazione (Arengo e Libertà) critica il segretario di Stato alla Giustizia Augusto Casali per aver organizzato un vertice internazionale sulle mafie nella primavera 2011.

Debbo dire che non conosco il critico Leonardo Raschi ma da osservatore esterno, fossi in qualunque Governo sammarinsese (di destra, centro o sinistra) ne farei un appuntamento annuale magari coinvolgendo come partner fisso l’Italia. Oltretutto Raschi scrive: “Può darsi anche che San Marino non sia esente da fenomeni di infiltrazione della criminalità organizzata ma da qui a farne un’emergenza nazionale ce ne corre…”. Può darsi?!

Mi passi una battuta Raschi (spero davvero sia di spirito): se non aprite gli occhi e continuate ancora a usare il condizionale (“può darsi…non sia esente…”) correte il rischio di andare anche voi come l’Italia a “Ramengo senza Libertà”.

Ieri mi sono sciroppato anche il programma Indaco andato in onda sulla Tv pubblica sammarinese. Il titolo è inquietante: “L’ombra delle mafie”. Altro che ombre! Io l’avrei titolato “I piedi delle mafie nel piatto di San Marino”.

Un’ora, 39 minuti e 30 secondi di amabili chiacchiere allo stato puro in cui si è parlato di mafia sì ma in Emilia Romagna (in studio c’erano il capo della Procura di Rimini Paolo Giovagnoli che sembrava capitato lì per caso e la direttrice del Corriere di Rimini Patrizia Lanzetti).

E dire che il mio amico Gaetano Saffioti, coraggioso imprenditore calabrese intervistato dalla Tv sammarinese, l’assist l’aveva servito su un piatto d’argento parlando di San Marino come un crocevia fondamentale per la ‘ndrangheta.

Il Titano! Mica Rimini o Cattolica sulle quali si sono spesi alcuni ospiti del professionale, rassicurante, rubicondo e pacioso Sergio Barducci che conduceva. La cosa più interessante che ho potuto ascoltare è stato l’invito della sua collega Sara Bucci in collegamento da un secondo studio tv con una minigonna ascellare, che tra una caponata, una zucchina e una melanzana, invitava scherzosamente i giovani (emiliani, non sammarinesi) che hanno lavorato nei campi confiscati a Cosa Nostra, a lasciare i prodotti alimentari in studio per fare un banchetto.

No anzi mi correggo. Dopo un’ora, 11 minuti e 40 secondi il magistrato Giovagnoli ha ricordato che se San Marino ora si sta impegnando per risalire la china è perché per troppo tempo è stato il luogo ideale per occultare denaro e per troppo tempo le banche sammarinesi non hanno cooperato. E proprio nel momento in cui si poteva cominciare a fare sul serio e incalzare sul ruolo delle banche e della politica, Barducci dopo un minuto e 4 secondi cosa fa? Gli chiede della Svizzera! E Augusto Casali, anche lui presente in studio cosa fa? Dice che “Italia e San Marino sono due Stati e questo aspetto va rispettato. Disponibili a discutere dello scambio di informazioni automatico ma questo va fatto con dignità”. Non ho parole!

All’ultimo minuto (giuro) il signor Casali, incalzato da domande serie di un ragazzo al quale il pacioso Barducci cercava di togliere ovviamente la parola, ha detto che se le fonti delle informazioni di un giovane in studio erano i servizi di Roberto Galullo, allora è male informato.

Non posso che replicare a Casali (solo) attraverso questo blog. Il giovane aveva detto una cosa esattissima (vale a dire le 14 firme di collaborazione con Stati come Samoa ma non l’Italia), che avevo scritto mesi fa. Cosi come a mesi fa risaliva il mancato riconoscimento dell’associazione mafiosa sul Titano che il giovane ha citato. Il navigato Casali (e l’ingenuo giovane che ha omesso il riferimento temporale ) ha avuto dunque l’impudenza servita su un piatto d’argento: dire che se legge ciò che scrivo allora è male informato. Oh yes! E’ vero che l’indifferenza è il maggior disprezzo ma io sono un generoso che ci volete fare.

E allora Casali si legga questo nuovo post e il prossimo ancora dedicato alla sua vergine terra e poi abbia ancora il coraggio di dire che sono male informato. Magari con me in studio se ha il coraggio! Ma non mi inviteranno mai è ovvio anche se a momenti quel giovane rovinava la festa ad uno studio che ha dedicato quasi due ore alla mafia….in Emilia Romagna e in Calabria!

IL DECRETO DI FERMO

Sono sicuro dunque di fare cosa gradita al segretario di Stato Augusto Casali, se racconto (gratis) alcuni aspetti del decreto di fermo monstre che la Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro (2.084 pagine che ho letto integralmente) ha emesso il 2 dicembre. Casali infatti ha dato due mesi di tempo al magistrato dirigente del Tribunale di San Marino per scrivere una relazione sullo stato della malavita organizzata a San Marino. Basta reperire i miei servizi in archivio su questo blog e mezza relazione è fatta (ah dimenticavo, per Casali sono male informato, vabbè allora come non detto).

Il decreto di fermo di Catanzaro coinvolge i cognomi della ‘ndrangheta che contano (Strangio di San Luca, Muto di Cetraro, Chirillo di Paterno Calabro), i cognomi della camorra che contano (Lentano di Napoli) e i cognomi del narcotraffico che contano davvero (il colombiano Luis Emilio Correa, il domenicano Luis Francisco Canelo ma soprattutto il romeno Stelian State, detto Gingas), oltre ad un insospettabile che scuote le coscienze: il tenente colonnello dei Carabinieri Luigi Verde, alias “il montone” o “il graduato”.

In tutto 77 persone per le quali – con accuse che vanno dal narcotraffico all’associazione a delinquere e via di questo passo – la Dda di Catanzaro ha disposto l’arresto.

Ebbene a pagina 1855 del decreto di fermo firmato dal pm Vincenzo Luberto, si leggono le allegre chiacchierate (intercettate) tra Francesco Galdi e Stefano Florio (entrambi arrestati).

IL PROFILO DEI DUE

Ma chi sono costoro? Il cosenti
no Florio (residente a Paterno Calabro dove la ‘ndrangheta è di casa) ha precedenti di polizia quali produzione e spaccio di stupefacenti (arrestato il 4 novembre 2000 a Cosenza), bancarotta fraudolenta, associazione a delinquere di stampo mafioso e il 13 aprile 2007 è stato sottoposto alla sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno.

Il suo ruolo nell’associazione a delinquere, si legge nel decreto di fermo, è di “componente storico del gruppo, a favore del quale ha svolto in passato diverse attività illecite … E’ colui che comunica le “imbasciate” di Galdi da portare a Chirillo Romano; gode di un limitato ambito di manovra in quanto gravato dall'obbligo di comunicare ai Carabinieri gli spostamenti dal Comune di residenza”.

E veniamo a Galdi, alias “il dottore”, nato a Figline Vigliaturo (Cosenza) ma residente a San Lazzaro di Savena (Bologna).

Numerosi i precedenti penali, tra cui falsità materiale, sostituzione di persona, truffa, ricettazione, insolvenza fraudolenta. Il 5 settembre 2005 è stato denunciato per associazione a delinquere si stampo mafioso finalizzata alla truffa, alla ricettazione, al riciclaggio e al trasferimento fraudolento di valori. Il 7 maggio 2007 è stato segnalato per porto di armi e rapina. Il 29 luglio 2008 per minaccia aggravata.

Secondo la Dda di Catanzaro, nella consorteria guidata da Romano Chirillo, Galdi è “la longa manus di Romano Chirillo dedito, in via quasi esclusiva, all’organizzazione di un traffico di stupefacenti tra la Spagna, Bologna e la Calabria. Galdi, nello specifico, ha impiantato e diretto in Bologna una vera e propria organizzazione dedita all’acquisto, al taglio dello stupefacente e alla susseguente cessione. E’ l’emissario di Romano Chirillo a Bologna e per suo conto guida un gruppo di persone deputate all’importazione nel territorio dello Stato di sostanze stupefacenti, alla minuta vendita in Bologna e al costante rifornimento in Calabria del promotore dell’organizzazione. Per quanto appena esposto l’organizzazione si compone di un gruppo operante in Bologna (guidato da Galdi) e di un gruppo operante a Paterno Calabro (Cosenza, guidato da Chirillo Romano). In particolare Galdi ha mantenuto contatti con tutti i soggetti denunciati nella presente informativa”.

Inutile spendere molte parole in più per Romano Chirillo (arrestato con il fratello Francesco), secondo la Dda capo storico dell’associazione a lui riferibile dopo la morte del fratello Carmine avvenuta il 2 giugno 2007, che “attualmente dirige l’organizzazione gestendo personalmente i rapporti con altre organizzazioni criminali, come il clan Muto”.

LE TELEFONATE

Ora che abbiamo inquadrato i personaggi e il contesto criminale, secondo le accuse della Dda di Catanzaro, passiamo ad esaminare le telefonate tra Galdi e Florio, intercettate il 23 settembre 2008.

Di primo mattino i due parlano di denaro che fluttuava tra Paterno Calabro e Bologna ma che doveva finire a San Marino.

Alle 8.56.50 Florio chiama Galdi e gli dice che è arrivato l’assegno. “Parlano di versamenti di assegni – si legge nel decreto di femo – e Galdi afferma che alle 11 avrà i soldi che Florio aspetta e pretende per fare il versamento a San Marino”.

Alle 10.25.19 dello stesso giorno è ancora Florio a chiamare Galdi al quale dice, proseguono i magistrati, “di non cambiare l’assegno perché ha risolto, avendo raggiunto quota 5.000 (i pm non chiariscono a cosa si riferisca questo passaggio, ndr) e dunque potrà andare a San Marino”.

TANTI SOLDI A CASCATA PER TUTTI

Il decreto della Dda di Catanzaro non si sofferma oltre su questo collegamento tra i due presunti membri di questa associazione a delinquere finalizzata al narcotraffico e le rimesse nelle banche di San Marino, per il semplice fatto che non è questo lo scopo dell’inchiesta (anche se non sono da escludere nuovi e dedicati filoni).

Ma per capire quali traffici muovesse questa organizzazione internazionale con pezzi da novanta delle famiglie calabresi e dei narcos sudamericani e dunque quali immensi capitali a cascata per ciascun anello della filiera (che Florio e Galdi farebbero confluire secondo le intercettazioni della Dda verso San Marino per la propria parte o almeno per una percentuale) basti riportare un solo stralcio dell’operazione.

A fine ottobre del 2008, ricostruiscono gli investigatori, iniziava un’estenuante trattativa per l’importazione di 300 kg di cocaina dal Sud America. Le conversazioni relative a questo affare si protraevano fino al giugno 2009 allorché l’incaricato (anche lui arrestato e membro della famiglia Strangio di San Luca) desisteva dal proposito iniziale.

Quel che conta – scrivono i  magistrati di Catanzaro – è l’eccezionale capacità di allacciare rapporti con gli stoccatori di cocaina sudamericani e l’altrettanto eccezionale capacità organizzativa della consorteria, di cui appunto Florio e Galdi sono secondo la magistratura antimafia di Catanzaro due anelli.

L’uomo della cosca Strangio aveva predisposto tutto ciò che sarebbe valso a fare arrivare in un porto italiano un container, contenente 300 kg di cocaina, mistificata da un carico di copertura costituito da pellame. Era stata individuata una ditta ecuadoregna della quale avevano disponibilità due persone non meglio identificate, chiamate, per telefono, Oscar e Gustavo. Oltre al mittente era stato individuato il destinatario in una srl unipersonale riconducibile a un imprenditore di Verona ma originario di Catania. Si consideri che l’organizzazione aveva spedito in Sud America 27mila euro che sarebbero dovuti servire per pagare la spedizione del container e il carico di copertura. Peraltro in questo affare si registra il coinvolgimento di Stelian State e di Joseph Bruzzese.

Bruzzese è un personaggio centrale, per l’indagine, in quanto garantiva all’associazione anche i rifornimenti di cocaina nella disponibilità di Luis Emilio Correa con il quale aveva legato grazie a Bruno Fuduli, già collaboratore di giustizia (tutti arrestati nell’ambito dell’inchiesta catanzarese).

Per il momento mi fermo qui ma nel prossimo post scoprirete un altro anello che lega le organizzazioni criminali a San Marino, descritto nell’inchiesta della Dda catanzarese, non meno inquietante del narcotraffico e degli annessi e connessi riflessi finanziari.

Un altro capitolo che offrirò (gratuitamente) a Casali e alla relazione del magistrato dirigente del Tribunale di San Marino. Ma quanto sarò generoso? Casali una provocazione: perché non l’assegna a me la
relazione? Gliela faccio gratis giuro!

1 to be continued

r.galullo@ilsole24ore.com

p.s. Invito tutti ad ascoltare la mia nuova trasmissione su Radio 24: “Sotto tiro – Storie di mafia e antimafia”. Ogni giorno dal lunedì al venerdì alle 6.45 circa e in replica alle 0.15 circa. Potete anche scaricare le puntate su www.radio24.it. Attendo anche segnalazioni e storie.

p.p.s. Il mio libro “Economia criminale – Storia di capitali sporchi e società inquinate” è ora acquistabile con lo sconto del 15% al costo di 10,97 euro su: www.shopping24.ilsole24ore.com. Basta digitare nella fascia “cerca” il nome del libro e, una volta comparso, acquistarlo.

  • galullo |

    Su un punto la Sig.ra Bucci ha ragione: non dovevo darle l’onore di essere citata.
    Ma l’ho fatto perché – forse questo sfugge alla Sig.ra Bucci che mi da del tu anche se non mi conosce – il contesto di quella trasmissione era importante e il suo collegamento in studio degno di essere descritto e commentato.
    E nel contesto posso permettermi – o devo chiedere autorizzazione alla sig.ra Bucci? – di descrivere anche i dettagli che ritengo. Senza, sia ben chiaro, alcuna volgarità, epiteto o secondo fine. Così come deve essere chiaro che lei non è entrata in chiave critica “naturalmente”. Quel “naturalmente” cosa sottintende? Colpa? Dolo da parte mia? E perché mai? Se questo è il senso che voleva attribuire a quell’avverbio, si ricreda.
    Prima di addentrarmi nel cuore del problema (a cui tengo) vorrei dire a lei e a tutti i lettori che io non ho mancato, non manco e non mancherò mai di rispetto a nessuno. E non ho né mai avrò intenzione o volontà di ferire alcuno. Soprattutto chi non conosco.
    Mi riesce talmente difficile capire quale sarebbe “l’epiteto volgare, compiaciuto…l’arnese arrugginito del machismo” che mi riesce difficile rispondere. La Sig.ra Bucci si riferisce alla caponata e alla peperonata che lei stessa ha citato in collegamento? Non ha nulla di volgare né l’uno né l’altro piatto.
    O forse si riferisce alla descrizione della gonna? Se non è volgare per chi la indossa come può essere volgare per chi la descrive? Se la Sig.ra Bucci si riferisce a questa frase sappia che è soltanto una mera descrizione come un’altra senza alcun intento né machista né altro. E’ solo che mi aveva colpito, fregandome tre quarti tanto del risvolto machista o femminista o sa Dio cos’altro. Un sommo giornalista come Pansa si recava in Parlamento con il binocolo per seguire i lavori dei parlamentari, descrivendo per filo e per segno tutti i dettagli che voleva e riteneva e mai nessuno si è permesso di criticarlo o tacciarlo di volgarità. Non sono Pansa anche se il mio ego è smisurato ma attribuirmi queste falsità non lo tollero e dunque rispondo.
    Ma veniamo ai contenuti, cioè a quel che a me sta a cuore.
    Anche io avrei voluto non rispondere alla sua lettera ma non ho bisogno di incrociare lo sguardo di nessuno per rispondere alla sua “sgarberia” (come lei la chiama). Incrocio solo la mia coscienza.
    Ebbene lei afferma che sono a corto di argomenti. Scusi ma l’ha letto il post o si è soffermata sulla caponata?
    Forse le è rimasta indigesta perché il mio post è tutto un contenuto. Le critiche e i commenti sono un “di cui”. A partire dalla “ciccia”: il fermo della Dda di Catanzaro e i rapporti che descrive con San Marino da parte di un’allegra consorteria.
    Con una postilla per me fondamentale: in quella trasmissione – che sono libero di criticare senza pregiudizi, con rispetto massimo per chi lavora nella vostra tv e serenamente anche perché, come dire, forse lei non lo sa ma qualche annetto a scrivere di mafie sul groppone ce l’ho – sono stato tirato inopportunamente in ballo da un vostro Segretario di Stato senza poter replicare. E di questo nessuno si è preoccupato. Anzi. E guardi che gli argomenti per replicare non mi mancano né mi mancheranno mai. Continuo (lo faccio dal 2008) a scrivere di San Marino e le assicurò che continuerò a farlo sempre iperdocumentato. Ripeto: sempre iperdocumentato. Alla virgola.
    Anche io non voglio lasciare un mondo in cui c’è chi parla attribuendo ad altri secondi fini inesistenti o cose mai pensate.
    Infine, essendo un nobiluomo, un’annotazione al suo mandare al diavolo. Un gesto davvero fine. Dovrei forse ritenere questo suo mandare al diavolo (perché forse non ha avuto il coraggio di scrivere una frase diversa, ma la invito a trovarlo) un gesto “volgare, compiaciuto …un arnese arrugginito del femminismo o post femminismo”?
    Un caro saluto
    Roberto Galullo
    p.s. La Signora Bucci mi ha anche spedito una mail all’indirizzo del Sole in cui commentava con un “mah” lo stand by del suo commento, che non fidandosi ha postato per ben due volte. Guardi Sig.Ra Bucci io non censuro nessuno, soltanto ora ho potuto liberare il suo gradito commento. E’ da questa mattina che faccio la spola tra Rimini e San Marino per portare a casa nuovi documenti. E ora sto andando a Roma. E le assicurò che nelle prossime settimane e mesi, quei documenti sarà un godimento poterli commentare sul mio blog. O pensa davvero che non abbia argomenti da spendere?

  • Sara Bucci |

    il mio nome è Sara Bucci, conduttrice e cronista della San Marino RTV,
    emittente pubblica, diretta da Carmen Lasorella.
    La trasmissione alla quale partecipo “Indaco”, nella puntata dello scorso 7
    Dicembre ha avuto l’onore di entrare nel blog di …. Galullo, in chiave
    critica, naturalmente, anzi molto critica. Ma non è in questo merito che
    voglio entrare, ciascuno è libero di pensarla come crede e benchè possa non
    condividerne le opinioni, le rispetto. Ecco, il rispetto, è questo il
    problema. Galullo ha mancato di rispetto. Al mio indirizzo ha usato un
    epiteto gratuito oltre che volgare. Volgare nell’intenzione, compiaciuto nel
    dileggio, vecchio nella mentalità. Col gusto di ferire ad ogni costo, anche
    la collega, ha rispolverato gli arnesi arrugginiti del machismo di
    periferia. A corto di argomenti, evidentemente. Avevo rinunciato a scrivere
    due righe di risposta, perchè la sgarberia non merita attenzione, ma ho
    incontrato gli occhi di mia figlia. Non mi piace consegnarle un mondo con i
    Galullo che non conoscono il rispetto. Vanto il mio diritto alla gonna, che
    non copre la mia testa. E chi non la pensa così, vada pure al diavolo.
    Sara Bucci

  • M. R. Zanotti |

    Sarebbe ancora più divertente dire chi è l’avvocato della finanziaria di cui parla, visto che a quanto mi risulta è un politico molto in vista, o sbaglio? Alla faccia della trasparenza, della moralità e del conflitto di interessi! Se mi sbaglio dottor Oddone, mi corregga ovviamente…

  • David Oddone |

    Caro Roberto,
    Che cosa dire? In certi momenti aggiungere o togliere una parola ad un concetto equivale a renderlo meno efficace. Per questo non voglio intervenire sul contenuto del tuo post, di una chiarezza da fare male agli occhi, ma mi piacerebbe dire dell’altro. Intanto voglio fare ridere te e i tuoi numerosi lettori con un aneddoto emblematico, per farti capire l’aria che tira da queste parti. Uno dei modi per zittire quei giornalisti che provano a fare il proprio mestiere qui a San Marino è quello della querela. In 5 anni ne ho prese circa una quarantina, una sola resta in piedi. Inutile sottolineare che anche una sola condanna, a parte i risvolti penali, con una possibile multa equivarrebbe a farci chiudere la bottega. Così tutti o quasi provano a fare querele che fortunatamente non trovano quasi mai riscontro, essendo noi sempre molto caparbi nel raccogliere documenti e farci firmare quelle dichiarazioni che poi pubblichiamo. Venendo all’aneddoto, in una querela una finanziaria sammarinese mi contesta di avere utilizzato impropriamente il termine “mafia”, quando si parlava invece di malavita pugliese… Che cosa aggiungere? Vedi tu se ridere o piangere. Oltre a questo mi si contesta la veridicità della notizia pubblicata… Ebbene non vedo l’ora che arrivi il 17 dicembre (giorno della mia escussione), per andare a dire al giudice che la notizia me l’ha data – udite, udite- nientepopodimenoche un colonnello della guardia di finanza “famosissimo” nell’Antica terra della Libertà. Immagino, anzi sono sicuro visto che me lo ha confermato, che sarà felicissimo di venire a San Marino a raccontare come sono andate le cose e chissà che non sia l’occasione per avere qualche notizia in più e magari scrivere un nuovo articolo… Ecco in che situazione operiamo! Ti ringrazio per il contributo che hai fornito alla “causa” di chi prova a combattere le mafie e permettimi nell’occasione di spendere due parole per il Pm Paolo Giovagnoli e per il nostro tribunale. Il primo ti assicuro è una persona che stimo tantissimo. E ho già detto tutto: chi mi conosce – e tu mi conosci- sa che sono la persona più lontana dal poter essere definita “leccaculo” e soprattutto sono solito centellinare i complimenti. Non mi pagano certo per tessere le lodi di questo o quell’altro. Sul tribunale sammarinese mi limito solamente a dire che è l’ultimo baluardo al quale noi giornalisti guardiamo perché venga garantita la libertà di pensiero. E’ solo grazie all’orientamento liberale ed europeista dei nostri giudici se possiamo parlare di mafia e tutto il resto. Se non fosse per loro o avremmo già chiuso da un pezzo la (piccola) baracca, oppure ci limiteremmo a scrivere dei gatti scappati sugli alberi. Visto che molto spesso i giudici sammarinesi vengono messi alla gogna (innumerevoli volte è stato proprio il sottoscritto a farlo) mi sembra intellettualmente onesto sottolineare questo aspetto utilizzando la cassa di risonanza del tuo blog. Nel ringraziarti per l’ospitalità, ti abbraccio con affetto,
    David Oddone
    P.S. Per quanto riguarda la lettera del signor Raschi è uno dei pochi casi, forse l’unico da quando lavoro qui, in cui abbiamo deciso per la “censura”, nel senso che avendo poco spazio quel giorno, quel pezzo è stato il primo a saltare. Superfluo spiegarne il motivo, lo hai già fatto benissimo tu .

  • roberto galullo |

    Cara Livia, caro Biagianti, caro Marchese, cari voi tutti.
    Noto con straordinario piacere che ciò che scrivo suscita interesse. Tanto interesse. Tra ieri e oggi c’è un boom di contatti sul servizio che ho scritto. Moltissimi blog hanno ripreso (alcuni senza rimandare al mio blog ahime!). La stampa locale ha ripreso. Bene. Evviva che si parla di questi temi.
    Parto con la cara Livia. Del comunicato stampa che mi hai allegato di quella associazione o cosa altro non so di sammarinesi, non ho capito una beata fava a parte i complimenti che mi fanno schifo. Odio i complimenti. Non capisco poi perché non hanno scritto direttamente sul blog, mah! Ho letto e riletto ma poi ho ceduto stremato. Ma che vogliono dalla mia vita? Anzi Livia, perdonami, ma lo riscrivo in romanesco, splendido dialetto della mia amata Roma, che non riesco più a esercitare come vorrei da quando vivo al Nord: ma che vonno da me!
    Quanto al Marchese: prego si accomodi. Nessun copyright.
    Quanto al giovane Biagianti, che ho avuto anche modo di conoscere recentemente a Brescia nel corso di una lezione sulle mafie che ho tenuto all’Università, stia tranquillo e vada avanti con il suo impegno encomiabile (ah bei tempi, quando 13 anni fa insegnavo all’Università di Castellanza! Cazzu cazzu quanto mi piaceva!). Più mi attaccano e più godo. Ho le spalle grosse. E non solo le spalle
    Un abbraccio a tutti e viva San Marino
    Roberto

  Post Precedente
Post Successivo