Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

ESCLUSIVO Rapporto Onu/ 3 Il mercato mondiale della pedopornografia vale un miliardo di dollari all’anno

Come sapete cari amici di blog da alcuni giorni (si vedano in archivio i post del 23 e del 24 giugno) sto dando conto del rapporto dell’Onu sulla globalizzazione del crimine curato dall’italiano Antonio Maria Costa, direttore dell’Unodc (United nations office on drugs and crime) e pubblicato il 16 giugno (è facile trovarlo nel sito di Unodc).

Nel primo post ho parlato di traffico di armi globalizzato (lecito e illecito) e di quanto complessivamente renda: 2 miliardi circa di dollari.

Con il secondo post ho cominciato a trattare di un’altra piaga: la pedopornografia.

Molto materiale può essere acquisito tramite rete sui gruppi Usenet. Per accedere ai siti web non commerciali con grandi volumi di materiale, i candidati possono essere tenuti a presentare immagini, sia per rafforzare l’offerta sia per dimostrare buona fede.

 

IL CLUB DELLE MERAVIGLIE

 

Per esempio, a coloro che hanno aderito alla fine degli anni Novanta al "Club delle meraviglie”(ed è facile immaginare di quale schifo stiamo parlando) sono state richieste 10mila immagini per il database, che una volta acquisite davano accesso a circa 750.000 immagini supplementari.
I venditori di pornografia infantile spesso costituiscono imprese fittizie solo
per ottenere un account commerciale ed eludere i rilevamenti di legge e i sistemi di pagamento utilizzati dai siti web commerciali di pornografia infantile sono sempre più complessi.

La domanda di pagamenti anonimi ha portato allo sviluppo di sistemi di pagamento virtuali e moneta virtuale, consentendo pagamenti anonimi le cui tracce sono difficilissime da ripercorrere.
Chi sono i colpevoli di questo traffico si chiede l’Onu?
Prima di Internet la pornografia infantile non era un affare che potesse interessare i tradizionali gruppi di criminalità organizzata e ancora oggi ci sono poche prove dirette della loro partecipazione. Se ci basa sulla sola analisi dei domini, questo almeno è quanto emerge.

Nelle operazioni dei dilettanti, spesso c’è sostanziale sovrapposizione: i consumatori di pornografia infantile possono produrre il proprio materiale per il commercio e immetterlo in Rete o partecipare a forum online per la distribuzione.
Queste reti non sono finanziariamente supportate e quindi è esclusa la presenza di
gruppi criminali ai sensi della Convenzione dell’Onu contro la Criminalità organizzata transnazionale. Considerazioni di questo tipo hanno portato l’Organismo non governativo (Ong) "End Child prostitution, Pornografia infantile e il traffico di bambini per scopi sessuali "(Ecpat) a concludere che “
la maggior parte della pornografia infantile distribuita a livello internazionale è scambiata tra pedofili e molestatori di bambini senza movente commerciale. Inoltre, mentre non vi è
la prova che la criminalità organizzata è coinvolta nella pornografia adulta, lo stesso non è generalmente vero per la pedopornografia
”. La ricerca indica che fino al 97% di coloro che si infangano con crimini sessuali contro i minori su Internet, agiscono da soli.

Secondo i dati raccolti dal Centro nazionale per bambini scomparsi e sfruttati degli Stati Uniti, in più di un quarto dei casi in cui il rapporto era noto, il carnefice è stato il
genitore del minore, in un ulteriore 10% dei casi è stato un altro parente. L’autore del reato era un estraneo solo nel 4% dei casi. Uno studio rileva che il 46% degli arrestati per possesso di pornografia infantile negli Stati Uniti ha avuto accesso ai bambini
attraverso il lavoro o per attività organizzativa che coinvolgevano i giovani.
La maggioranza di coloro che raccolgono pornografia infantile è uomo, bianco e occidentale, anche se vi è un sottogenere con ragazze giapponesi minorenni destinate al mercato asiatico. In uno studio sugli autori di pornografia infantile, l'85% ha ammesso di essere stata vittima di abusi da minore.
Nel 2009, la maggiore analisi mai prodotta su oltre 250mila immagini raccolte dalla Child Exploitation e dall’Online protection centre del Regno Unito ha svelato che il  
91% delle vittime erano bianchi e l’81% donne. Quasi assenti i neri.  

E’ stato sostenuto che la maggior parte delle vittime proviene dai Paesi in via di sviluppo ma è difficile, secondo il Rapporto dell’Onu, conciliare i fatti con questa conclusione. La produzione su larga scala in Africa è esclusa a causa del profilo etnico delle vittime conosciute.

La pornografia dilettantistica è prodotta anche in Messico, Filippine e Brasile ma questi Paesi non sono predominanti. Si afferma frequentemente che il 90% della pornografia infantile commerciale viene dal blocco orientale europeo e che la stessa Europa orientale sembra essere diventata la chiave di volta per l’organizzazione commerciale. Questo sarebbe compatibile con il profilo etnico descritto.
Un certo numero di casi sono stati documentati nella Federazione Russa, Ucraina, Repubblica di Moldova e Bielorussia, che spesso coinvolgono le agenzie di modelli-bambini.
Nonostante l’uso di Internet, pornografia infantile e clienti non sono necessariamente tecnologicamente sofisticati. Solo il 6% dei trasgressori, in un campione rilevato, aveva dimestichezza. In un altro campione, il 17% utilizza password di protezione.

QUANTO È GRANDE IL FLUSSO?

Come scrivevo nello scorso post, la mancanza di ricerca sulle dimensioni e sulla
crescita dell'universo della pornografia infantile è sorprendente. Data-base hanno incluso fino a un milioni di immagini, ma queste cifre comprendono i video che contengono migliaia di immagini fisse.

Il  più grande database cancellata è stato raccolti dal progetto "Lotta Online
Le reti di pedofili in Europa "(Copine) dell’University College Cork, in Irlanda, che conteneva circa mezzo milione di immagini, alcune delle quali potrebbero essere vecchie di 30 anni o più. Alla fine degli anni 1990 una media di quattro nuove vittime apparivano ogni mese in immagini scambiate tra i newsgroup monitorati. Se questa tendenza dovesse continuare e se 1.000 immagini fossero catturate per bambino, questo produrrebbe una crescita di circa 50.000 immagini per anno, circa il 10% di crescita all'anno.

LE STIME ECONOMICHE BASATE SULL’INDUSTRIA DEL SESSO

 

Alcune stime sono state fatte sul valore del settore commerciale della pornografia infantile ma non tali da essere ritenute attendibili fino in fondo. Il solo commercio dell’industria pedopornografica si stima che valga 20 miliardi di dollari. Questa cifra è di solito attribuita a Unicef e Fbi, che però non hanno mai riconosciuto questi numeri. L’importo, comunque, supera di gran lunga le stime credibili del valore della pornografia su Internet di soli adulti, ed è circa un quarto del valore del commercio mondiale di cocaina, merce più costosa e popolare. Nel 1998 l’industria della pornografia on-line per adulti è stata stimata tra i 750 milioni e il miliardo di dollari
di ricavi annui. E’ probabile, dice l’Onu, che la cifra sia aumentata, anche perché molti nuovi utenti si trovano nei Paesi in via di sviluppo e molti di questi nuovi utenti possono anche incontrare restrizioni nell’accesso alla pornografia su Internet pornografia. La Cina, per esempio, utilizza un filtro nazionale per impedire l'accesso
e colpisce molto seriamente le violazioni: oltre 5.000 persone sono state arrestate per reati di pornografia su Internet nel 2009. A partire dal 2000 la pornografia on-line
è diventato illegale anche in India.

Comunque il dato forse più verosimile per la pedopornografia è di un miliardo di dollari all’anno, si legge nel Rapporto Onu. Per consumare il miliardo di dollari di materiale ipotizzato dal Rapporto Onu, ciascuno dei due milioni di consumatori a livello mondiale dovrebbe spendere 500 dollari all’anno, vale a dire circa 40 dollari al mese. Uno studio recente ha rivelato una media di 53 dollari al mese e presuppone che tutti i consumatori di pornografia infantile sono abbonati paganti. Si presume inoltre che per gli abbonati sia sufficiente pagare il canone mensile per ricevere nuovo materiale.

E’ molto più probabile che la cifra sia inferiore al miliardo di dollari – conclude il Rapporto Onu – dato che una buona dose di materiale è condivisa tra coetanei”. E se è vero che le cifre degli Stati Uniti rappresentano un quarto dei consumatori mondiali, il valore statunitense è di circa 250 milioni di dollari.

LE STIME BASATE SUL CONSUMO

 

Non ci sono dati generalmente accettati per la prevalenza della pedofilia rispetto ad altre devianze, ma qualche informazione sul numero di persone che potrebbe comprare la pornografia infantile possono essere raccolti a partire dai dati della giustizia penale.
Dati associati con le indagini di polizia hanno suggerito numeri molto alti di delinquenti e di fatturato annuo per alcuni particolari circuiti.
L’Operazione Avalanche (nel Regno Unito) alla fine degli anni Novanta, è stata probabilmente la maggiore indagine di sempre sulla pedopornografia commerciale. Ebbene, ne è risultato che Frana Inc. era una società che offriva attraverso carta di credito e servizi di abbonamento, l’accesso a siti web pedopornografici. Ha offerto abbonamenti per oltre 5.000 siti web che, al momento della chiusura, avevano tra i 75 mila e i 390mila clienti. Il profitto era di circa 1,4 milioni al mese (3.500 dollari di ricavo all’anno per singolo sito).
Circa 7.000 cittadini britannici sono rimasti implicati nell’operazione Avalanche, che ha dato origine anche a qualche polemica perché alcuni (quanti in realtà?) erano stati vittime di furto d’identità. In effetti, alla fine del processo, le persone condannate sono state relativamente poche.
In Canada 1.408 persone sono state accusate di possesso di immagini pedopornografiche nel 2008: l’anno prima erano state 1.407, il che suggerisce una certa stabilità nel numero di persone attratte da questo immondo spettacolo.
Negli Stati Uniti, una stima parla di 250mila autori di reati, pari a meno del 10% della popolazione degli Stati Uniti.

Ma quanto “consuma” ciascuna di queste persone ogni anno? Come riportato sopra, casi limite di data-base includevano tra le 250mila immagini e il milione, incluse le immagini fisse in video. Se letta e acquisita al ritmo di una immagine al minuto, la selezione di 1.000 mila immagini rappresenterebbe il lavoro continuo di quasi quattro anni, lavorando 12 ore al giorno. Secondo un sondaggio, il numero medio di immagini in possesso degli autori di reato è il 16.698.

Altri studi suggeriscono un numero molto inferiore di immagini: uno studio americano su 429 arrestati ha rivelato che oltre la metà (52%) aveva meno di 100 immagini e l’86% aveva meno di 1.000 immagini.

roberto.galullo@ilsole24ore.com
2 – the end

p.s. Le edicole stanno, gradualmente, avviando le rese del mio libro “E
conomia criminale – Storia di capitali sporchi e società inquinate
”. Se non lo troverete più in edicola prenotatelo e acquistatelo, con lo sconto del 15% al costo di 10,97 euro su:
www.shopping24.ilsole24ore.com. Basta digitare nella fascia “cerca” il nome del libro e, una volta comparso, acquistarlo.

  • Giorgio |

    Credo che il link giusto al report dell’Unodc sia questo http://www.unodc.org/documents/data-and-analysis/tocta/TOCTA_Report_2010_low_res.pdf.
    Quello indicato a commento di un altro articolo indirizza ad un altro report, sempre del 2010.

  • rocco |

    Un saluto affettuoso dott.Galullo la seguo la mattina su radio24 e apprezzo molto il suo lavoro.vorrei fare una domanda che esula dall’argomento.Perchè nessun giornalista ha messo in evidenza il libro del giornalista del corriere della sera che si occupa degli enormi sprechi delle regioni e invece mettono in risalto le lamentele sui tagli? Grazie

  Post Precedente
Post Successivo