Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Contrabbando di sigarette/3 L’ ignoranza sulla filiera tabacchicola: l’Italia è prima in Europa e 14esima nel mondo

Cari amici di blog, rieccomi a voi dopo un periodo di silenzio usato per raccogliere idee, documenti e svolgere qualche interessante inchiesta giornalistica.

Come quella sul contrabbando di sigarette che molti di voi (mi auguro) avranno letto questa domenica sul Sole-24 Ore (per chi l’avesse persa ecco a voi il link http://www.ilsole24ore.com/art/commenti-e-idee/2015-06-21/quelle-bionde-bancomat-mafie-081324.shtml?uuid=ACEqqRE&fromSearch).

Due giorni fa su questo umile e umido blog ho dato conto delle capitali italiane del contrabbando, appuntando un’attenzione particolare su Milano. Ieri abbiamo dato conto delle sigarette illegali che vanno per la maggiora seguendo i flussi dei sequestri dell’Agenzia delle Dogane.

Oggi continuo a dare spaccati di questo inquietante scenario che è il contrabbando, dal momento che molto materiale è rimasto fuori dalla mia inchiesta.

Come ad esempio l’ignoranza degli italiani sulla filiera agricola italiana del tabacco.

British american tobacco (Bat) Italia ha commissionato all’Istituto di ricerca Swg un’indagine per capire quale sia la reale percezione che gli italiani hanno del contrabbando, in termini di natura e di dimensioni del fenomeno, ma anche del suo collegamento con la criminalità organizzata e dei danni economici correlati.

Ebbene, gli italiani non conoscono l’importanza della filiera tabacchicola nazionale (l’Italia è il primo Paese produttore di tabacco in Europa e il 14° produttore mondiale): per il 23% degli intervistati, in Italia non ci sarebbero imprese agricole che producono tabacco e per il 54% sono presenti, ma si tratta di aziende minori; solo il 23% sa che ci sono aziende importanti del settore.

C’è però unanimità nel riconoscere che il contrabbando di prodotti del tabacco danneggi l’intera filiera: non solo gli Stati, che perdono il denaro delle tasse e delle accise (secondo il 59% del campione), ma anche i tabaccai (33%), che perdono clienti e guadagni, le aziende italiane che lavorano il tabacco (25%), gli agricoltori italiani (23%) che vedono diminuire il valore del tabacco che producono e, non ultime, le multinazionali del tabacco (18%), che risultano danneggiate da una diminuzione delle proprie vendite.

Il costo in Europa

Secondo i dati dell’ultimo Rapporto annuale di Kpmg, il contrabbando in Europa costa ai contribuenti e alle comunità più di 11 miliardi all’anno di perdite di gettito fiscale e, se considerate globalmente, le migliaia di transazioni effettuate dai criminali coinvolti nel commercio illegale di tabacco costituiscono il quinto maggior fornitore di sigarette per i consumatori dell’Unione Europea.

In Italia in particolare, nel 2014, il consumo di prodotti illeciti del tabacco è cresciuto del 20% rispetto all’anno precedente, raggiungendo i 4,42 miliardi di sigarette, con una perdita di introiti fiscali per lo Stato pari a 770 milioni di euro. Secondo le stime di Kpmg, il commercio illecito di sigarette oggi rappresenta il 5,6% del mercato totale italiano (nel 2013, era il 4,7%) e le “illicit white” – ovvero sigarette prodotte legalmente in un Paese, ma contrabbandate in altri territori dove hanno una distribuzione legale limitata o assente – sono oltre la metà del totale delle sigarette illecite.

La visione romantica

La visione “romantica” del contrabbandiere persiste ancora, soprattutto tra chi è meno informato: se poco più della metà degli italiani (il 56%) sa infatti che un contrabbandiere è un affiliato alla mafia coinvolto in traffici internazionali, per il 17%, invece, è un piccolo criminale che opera a livello locale, per il 9% è un autotrasportatore che cerca di guadagnare qualche soldo in più, per l’8% un imprenditore che vuole solo evadere le tasse.

Del resto, in Italia (e a denunciarlo non è solo Bat) la legislazione vigente non aiuta: nonostante gli sforzi delle Forze dell’ordine per arginare il fenomeno, l’unica via d’uscita per intensificare la lotta al contrabbando sembra stare nella modifica della legge oggi in vigore. Premesso che riguardo alle sanzioni inflitte ai trasgressori gli italiani non appaiono poi così informati (solo il 38% sa che fino a 10 chilogrammi di sigarette contrabbandate si rischia solo una sanzione pecuniaria, il che evidentemente non è un deterrente sufficiente), per il 62% dei nostri connazionali, le attuali disposizioni sono inadeguate: secondo i dati Swg, 7 italiani su 10 ritengono necessaria una revisione della legge. E questa percentuale aumenta ulteriormente (più di 8 su 10) nei territori il cui il contrabbando è più diffuso.

Gli italiani, sempre secondo i dati Swg, hanno una percezione del contrabbando molto pragmatica: per 8 su 10 la definizione del fenomeno è chiara e semplice: «contrabbando è la vendita di merci senza il pagamento delle tasse nazionali ed internazionali o l’importazione/esportazione di merci senza il pagamento delle tasse doganali».. Eppure, malgrado la quasi unanimità nel riconoscere il contrabbando quale forma di attività criminale, gli italiani non lo percepiscono alla stregua di una vera “truffa” e ne giudicano la gravità di gran lunga inferiore a quella dell’evasione fiscale: in una scala da 1 a 100 – dove 1 è il valore minimo e 100 quello massimo – secondo l’opinione pubblica, mentre «evadere le tasse» ha un livello di gravità del 74%, «acquistare sigarette di contrabbando» lo ha solo del 51%.

Eppure, oltre 7 italiani su 10 sono consapevoli del fatto che oggi il contrabbando sia principalmente nelle mani di grandi organizzazioni criminali internazionali e per il 64% del campione intervistato è palese che il contrabbando sia una sorta di “bancomat della malavita”, attraverso cui finanziare attività terroristiche.

3 – to be continued (per le precedenti puntate si vedano

https://robertogalullo.blog.ilsole24ore.com/2015/06/23/contrabbando-di-sigarette1-a-milano-tra-le-capitali-il-pacchetto-costa-piu-che-dal-tabaccaio/

https://robertogalullo.blog.ilsole24ore.com/2015/06/24/contrabbando-di-sigarette2-oscar-jim-american-legend-dimmi-cosa-fumi-e-ti-diro-chi-sei-e-da-dove-compri/

r.galullo@ilsole24ore.com

CON IL SOLE 24 ORE ONLINE IL MIO NUOVO LIBRO “FINANZA CRIMINALE”

Dopo essere rimasto una settimana in edicola, in vendita con il Sole-24 Ore, il mio nuovo libro “Finanza criminale – Soldi, investimenti e mercati delle mafie e della criminalità in Italia e all’estero”, al prezzo di 8,90 euro, è acquistabile su www.ilsole24ore.com/oralegale .

Ogni settimana (ogni giovedì) c’è infatti un volume diverso (si veda in fondo il piano dell’opera e le modalità di acquisto) – I 20 volumi della Collana “Ora legale” (a mia cura) vi faranno compagnia fino alla fine di settembre.

IL PIANO DELL’OPERA

1“) Cose di Cosa Nostra” – Giovanni Falcone in collaborazione con Marcelle Padovani – 14 maggio

2)   “Liberi tutti – Lettera a un ragazzo che non vuole morire di mafia” di Pietro Grasso – 21 maggio

3)   Finanza criminale – Soldi, investimenti e mercati delle mafie e della criminalità in Italia e all’estero – di Roberto Galullo – 28 maggio

4)   Un eroe borghese”  di Corrado Stajano –  4 giugno

5)“A testa alta – Storia di un eroe solitario” di Bianca Stancanelli – 11 giugno

6)“Le parole di una vita – Gli scritti giornalistici” – Giancarlo Siani – 18 giugno

7)“Il caso Valarioti” – Rosarno 1980: così la ‘ndrangheta uccise un politico (onesto)” di Danilo Chirico e Alessio Magro con interventi di Giorgio Bocca, Enrico Fontana e Giuseppe Smorto – 25 giugno

8)“Chi comanda Milano” di Alessia Candito – 2 luglio

9)“La mafia fa schifo – Lettere di ragazzi da un Paese che non si rassegna” di Nicola Gratteri e Antonio Nicaso – 9 luglio

10) Ho ucciso Giovanni Falcone – La confessione di Giovanni Brusca” – di Saverio Lodato – 16 luglio

11)“Il giudice ragazzino” di Nando Dalla Chiesa – 23 luglio

12) “Peppino Impastato – Una vita contro la mafia” – di Salvo Vitale – 30 agosto

13)“Libero – L’imprenditore che non si piegò al pizzo di Chiara Caprì con Pina Maisano Grassi –6 agosto

14)“Maledetta mafia – Io, donna, testimone di giustizia con Paolo Borsellino” – di Piera Aiello e Umberto Lucentini – 13 agosto

15) “Anime nere” – Gioacchino Criaco – 20 agosto

16) “La peste – La mia battaglia contro i rifiuti della politica italiana” di Tommaso Sodano e Nello Trocchia 27 agosto

17) “Delitto imperfetto – Il generale, la mafia, la società italiana” – di Nando Dalla Chiesa – 3 settembre

18) “Nomi, cognomi e infamidi Giulio Cavalli con prefazione di Giancarlo Caselli – 10 settembre

19) “C’erano bei cani ma molto seri –  Storia di mio fratello Giovanni ucciso per aver scritto troppo” – di Alberto Spampinato – 17 settembre

20) “Senza padrini – Resistere alle mafie fa guadagnare” di Filippo Astone – 24 settembre

MODALITA’ DI ACQUISTO

I 20 volumi delle Collana “Ora legale – Storie di eroi, mafia e antimafia” potranno essere acquistati ogni giovedì in edicola (dove, ciascuno, resterà per una settimana) al prezzo di 8,90 euro oppure sul canale shopping24 accessibile direttamente dal sito www.ilsole24ore.com/oralegale (il prezzo dell’intera collana è di € 178,00).

E’ possibile acquistare online l’intera opera al prezzo di 160,20 € invece di 178,00 €, con uno sconto del 10% rispetto all’acquisto delle singole uscite e l’invio gratuito presso l’indirizzo prescelto senza alcuna spesa aggiuntiva di spedizione. L’opera verrà recapitata in 4 spedizioni a partire da luglio 2015.

Si potranno chiedere direttamente gli arretrati all’ edicolante di fiducia i volumi mancante della collana Ora legale” Senza alcun sovrapprezzo: si paga soltanto il numero che interessa più il costo del quotidiano. Oppure si può acquistare il/i volume/i mancante/i direttamente online, su Shopping24.