Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Antonio Marini, procuratore generale di Roma, racconta gli anni persi prima di avere una superprocura antiterrorismo

Se dovessimo contare tutte le volte in cui lo Stato ha perso l’occasione di fare Politica e servire il proprio Paese, probabilmente non basterebbe una vita.

Ciò non toglie che, compito della stampa libera, sia quello di fare le pulci al potere sempre e comunque, senza guardare in faccia a nessuno.

Ebbene, leggere l’audizione presso la Commissione parlamentare d’inchiesta sul caso Moro, il 16 febbraio, del Procuratore generale facente funzioni presso la Corte di appello di Roma, Antonio Marini, fa male.

Fa male perché, con la sua testimonianza, riporta in vita i ritardi dello Stato nel saper affrontare per tempo e in tempo le minacce alla collettività amministrata.

In particolare, mi riferisco agli anni persi nell’istituzione e dell’unificazione in capo alla Procura nazionale antimafia dei compiti di coordinamento e regia delle indagini in materia di terrorismo. Non solo quello nazionale, ovviamente, ma  oggi più che mai di quello internazionale.

Marini, testualmente, dichiara: «…Ebbene, c’è stato quel momento in cui si parlava di istituire finalmente la Procura nazionale antiterrorismo. Ricordo che, parlandone con Falcone a Ustica, lui mi diceva di fare la domanda e io rispondevo che non avevo mai fatto antimafia, ma criminalità organizzata e soprattutto terrorismo. Mi diceva: “Fai la domanda, perché dopo (dopo aver istituito la Procura nazionale antimafia) si pensa di estendere all’antiterrorismo”. Parliamo del 1992…Poi sappiamo come sono andate le cose. Falcone è stato ucciso e io non avevo più interesse a rimanere alla Procura nazionale antimafia, anche perché mi ero reso conto che quel passo in avanti, in quel momento, almeno, non si sarebbe fatto, come non era stato fatto già nel 1978, cioè dopo la strage di via Fani e dopo il sequestro e l’omicidio dell’onorevole Moro, quando si cominciò a parlare di Procura nazionale antiterrorismo.
Ricordo che allora ero alla Procura della Repubblica ed ebbi l’incarico dal Procuratore capo De Matteo, con una delega, di fare il giro delle varie Procure della Repubblica per vedere i processi che erano pendenti e i fatti che venivano indagati (imputati o indagati e così via), per fare una sorta di monitoraggio “fatto in casa” per creare un minimo di coordinamento fra le varie Procure della Repubblica che si interessavano di fatti di terrorismo.
Peraltro, già da allora noi sappiamo che la platea terroristica non era occupata soltanto dalle Brigate Rosse, ma c’erano anche tante altre organizzazioni criminali, come Prima Linea, per esempio, a sinistra, ma poi c’erano anche le organizzazioni terroristiche di destra. Quindi, si tentava all’epoca di fare un minimo di coordinamento fra le varie attività. Siamo nel 1978, ma non se ne fece niente. Se ne riparlò, invece, nel 1992, come dicevo, per quanto riguarda la Procura nazionale antimafia. Dopo la morte di Falcone non si fece più niente. Allora, io che ho speso quasi tutta la mia vita, nella carriera in magistratura, nella lotta contro il terrorismo, ho ritenuto di fare il passo del gambero, cioè ritornare da dove ero venuto, a costo anche di fare un passo indietro nella mia carriera, perché è chiaro che il sostituto procuratore nazionale antimafia è un punto in avanti rispetto al sostituto procuratore della Repubblica di Roma
».

Sono passati 23 anni (dall’input di Falcone che aveva dato nuovo e intelligente smalto all’idea di una superprocura nazionale antimafia e antiterrorismo) e 38 anni (dall’uccisione di Aldo Moro). Fate voi le riflessioni che ritenete. Io le mie le ho già fatte. E ve le ho sottoposte.

A domani con qualcosa di molto interessante sui misteri di questo Stato.

r.galullo@ilsole24ore.com

  • Gabriella Galastri |

    È’vero fa molto male leggere la dichiarazione del Magistrato Antonio Marini
    Ma per mia natura non perdo mai la speranza quindi voglio guardare avanti sempre avanti sperando che qualcosa cambi. A volte basta un “qualcosa” per far muovere l’immobilità. Basta un sassolino per far scivolare il,resto della ghiaia. Chissà . Ringrazio il Magistrato che ho avuto il piacere di conoscere oltre 50 anni or sono all’inizio della sua carriera lavorativa (non ancora nella magistratura) e con grande piacere vedo la strada che ha fatto. Complimenti!
    Gabriella Galastri Firenze

  Post Precedente
Post Successivo