Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

La legge della cosca di ‘ndrangheta Giampà a Giussano (Monza Brianza) – Scene da film “Il Padrino”

Delle ramificazioni delle cosche mafiose al Nord (di qualunque mafia esse siano) non si parla mai abbastanza.

Tutti hanno paura di parlarne o di scriverne.

I politici perché sempre più spesso ricorrono ai loro voti.

Gli imprenditori perché sempre più spesso ricorrono ai loro soldi per ricapitalizzare o sopravvivere.

La finanza (intesa come sistema del credito) perché è sempre più marcia dentro.

Le classi dirigenti – comprendendovi, anche se me ne vergogno per molti di loro, i presidi delle scuole – perché non è vero che la mafia al Nord esiste.

Le famiglie perché tra i danni del ‘68 e la precoce demenza senile che attanaglia i nuclei sociali, hanno perso il senso del dovere civico e dell’impegno per la legalità.

La Chiesa perché tanto il problema è del Sud e dei “sudici”, mica nostro!

Molti magistrati perché non ne capiscono una beata fava ma si spacciano per geni (e il bello è che trovano anche credito presso stampa e Istituzioni). O perché hanno altre priorità. O perché non hanno la benché minima preparazione.

I giornalisti perché non studiano una strabeata fava, non si applicano, non si espongono e si fidano solo delle veline.

La società civile che crede che basti fare una marcetta antimafia per essersi sciacquata la coscienza.

Ed allora io – cialtrone che son io, cialtrone che non sono altro, soldi in tasca non ne ne ho ma lassù mi è rimasto Dio, parafrasando la canzone dei Nomadi del ’72  – non perdo occasione per parlarne.

La rapida risalita delle cupole mafiose (non certo quelle fatte di venditori di meloni) e dei loro capitali inquinanti è il vero problema di questo Paese. Ma sssssshhhh, zitti, meglio non parlarne!

Prendiamo ad esempio l’Operazione Medusa con la quale vi sto martellando da giorni perché è di importanza capitale. Ebbene con questa operazione la Dda di Catanzaro ha inferto un duro colpo alla cosca Giampà di Lamezia Terme.

Tra le 717 pagine dell’ordinanza ci sono riferimenti molto interessanti al modo in cui le cosche lametine si muovono (o non si muovono) nei territori del Nord.

Prendiamo Antonio Stagno, nipote diretto di Francesco Giampà, classe ’48, detto “u prufessura”, il “professore” (avercene di docenti così!),  che secondo l’accusa è il referente nel Nord Italia (e in particolare in Giussano —Monza Brianza e zone limitrofe) per la cosca Giampà. Ebbene costui ha un rapporto privilegiato con Aldo Notarianni e con Giuseppe Giampà (detto il “Presidente” o “Capu Randi” o “il principale” ed avercene di principali così!), soprattutto nel settore delle armi, degli stupefacenti e nelle decisioni che riguardano azioni omicidiarie nei reciproci territori di competenza. Oltretutto Giuseppe Giampà e Aldo Notarianni, si legge nell’ordinanza della Dda di Catanzaro, sono garanti di Antonio Stagno per la risoluzione di controversie in materia di rendicontazione su proventi di natura estorsiva, con il locale di Giussano diretto, all'epoca, da Antonino Belnome.

La ramificazione a Giussano (Monza Brianza) e zone limitrofe, i rapporti con il locale di Giussano sono al centro di un capitolo dell’indagine Medusa, che ha coinvolto anche i Carabinieri di Seregno.

Già dalle indagini "Infinito" e "Crimine", coordinate dalle Direzioni distrettuali antimafia di Milano e Reggio Calabria del 13 luglio 2010 emergono dati fondamentali che riscontrano ulteriormente l'effettiva esistenza del locale di ‘ndrangheta “Giampà”, nonché i fitti collegamenti e incontri (avvenuti sia in Calabria che in Lombardia nel periodo 2006 /2008), intercettati dai Carabinieri di Seregno, tra esponenti di spicco della cosca Giampà (Giuseppe Giampà, Aldo Notarianni presso la propria abitazione nell’agosto 2008, Saverio Cappello e altri) ed esponenti del locale di ‘ndrangheta di Giussano, quali Antonio Belnome e Antonino Stagno.

Le dichiarazioni di Antonino Belnome – che nel frattempo è diventato un collaboratore di giustizia – assumono una pregnanza particolare in quanto forniscono i primi elementi che individuano in Antonio Stagno un referente della cosca Giampà al Nord.

I dati vanno letti in maniera incrociata con le dichiarazioni di Saverio Cappello (in particolare quelle del 25 gennaio 2012 e, da ultimo, quelle del 15 giugno 2012) e con le indagini dei Carabinieri di Seregno (informativa numero 144/43-218 del 31 ottobre 2009).

I contatti tra la madrepatria lametina e la “colonia momentanea” in Brianza non consistono soltanto negli affari di droga e armi. Nossignori. Sul filo Giussano-Lamezia corrono anche le decisioni per omicidi, come quando gli inquirenti scrivono che Cappello si nera di fatto recato in Lombardia perché inviato da Giuseppe Giampà, in occasione dell'omicidio da effettuarsi su richiesta di Antonio Stagno, a riprova, scrivono i magistrati, “dei rapporti e delle interrelazioni che i Giampà sono in grado di intrattenere nel Nord Italia, soprattutto grazie alla presenza sul posto del predetto Stagno, nipote del Professore'; nonché a riscontro ulteriore della disponibilità di armi da parte della consorteria in parola, anche fuori del territorio lametino”.

Lo stesso Belnome, nel verbale di dichiarazioni rese al pm Vincenzo Capomolla il 3 giugno 2011 ha riconosciuto in foto alcuni personaggi che aveva riferito in precedenza di aver incontrato a Tropea e a Lamezia Tenne, per risolvere gli attriti con Stagno, generati da diverbi sulla suddivisione di proventi estorsivi da questi raccolti autonomamente al Nord, senza dar conto allo stesso Belnome. In realtà (soprattutto leggendo le dichiarazioni di Saverio Cappello del 25 gennaio 2012), gli inquirenti si convincono che sotto queste apparenti problematiche covava la consueta guerra di `ndrangheta che avrebbe portato all'eliminazione fisica dell'uno o dell'altro contendente, ai fini del predominio sul territorio di Giussano e zone limitrofe. Cosa non verificatasi per via dell'arresto di Antonio Stagno nell'ambito dell'operazione Infinito, nonché per la decisione dì Antonino Belnome dì diventare collaboratore di giustizia .

GLI AFFARI AL RISTORANTE

Nell'interrogatorio del 10 febbraio 2011, Belnome, su richiesta del pm ha affrontato la questione dei rapporti tra Antonio Stagno e la famiglia Giampà, narrando d
egli incontri nel territorio lametino o calabrese, tra lui, Antonio Stagno ed esponenti del clan Giampà come Aldo Notarianni e Giuseppe Giampà, finalizzati anche a trovare una soluzione alla vertenza sull'appropriazione totale da parte di Stagno di un provento illecito derivante da un'estorsione da lui effettuata, nei confronti di una ditta nel territorio giussanese, senza rendere conto a colui (proprio Belnome) che all'epoca (2008) era il “padrino” riconosciuto del locale di `ndrangheta del posto.

E' importante rilevare che — pur non trovandosi Stagno in una posizione ottimale, essendo palese il suo trovarsi in difetto secondo le logiche 'ndranghetiste – la cosca Giampà, attraverso Giuseppe Giampà e Aldo Notarianni, sia intervenuta a tutela di Stagno, proprio per il vincolo di sangue ed i comuni e precedenti affari illeciti nel settore degli stupefacenti, delle armi e anche dell'usura (come riferito da Saverio Cappello).

Belnome ha riferito di un incontro organizzato a Milano presso il ristorante …omissis... Nonostante i suoi più stretti sodali gli sconsigliassero dì recarsi all'appuntamento, Belnome decise di parteciparvi ugualmente ma armato. Un uomo di Stagno (che era però anche vicino a Belnome) lo aveva avvisato del luogo, di chi vi avrebbe partecipato e che ci sarebbe stato un altro tavolo vicino al loro con uomini di Antonio Stagno, perché questi aveva paura, nonostante Giuseppe Giampà avesse rassicurato tutti dell'onestà di Belnome (“Noi andammo armati, lui si mise un tavolo vicino al nostro, tutti armati fino ai denti, però armato era …omissis… che era con noi e se succedeva qualcosa gli sparava a lui: di cui io sapevo tutti i dettagli di quell'incontro, quindi andai tranquilla. E di lì si discusse di ceni soldi che lui doveva dare a noi, si discusse…).

Scene dal film “Il Padrino” parte prima….Ma sì, vi ricordate la scena in cui Michael Corleone al ristorante uccide il capitano di polizia corrotto Mark McCluskey e il boss Virgil Sollozzo?

Belnome ha, quindi, riferito dei soldi che Stagno avrebbe dovuto consegnare per un'estorsione fatta a Giussano senza dare conto, sottobanco. Appare opportuno riportare direttamente le parole di Belnome: “Rocco ne è venuto a conoscenza, subito, immediatamente è venuto da me, l'abbiamo prelevato e gli abbiamo fatto le azioni contro, l'abbiamo indebolito del tutto. L'abbiamo acchiappato, che poi ci fu un incontro a Cabiate (provincia di Como ndr) in un bar, dove lui, in quelle… in quella occasione eravamo io, Andrea Ruga, Antonio Stagno e Rocco Cristello, quindi antecedente alla sua morte. Noi lo stringemmo, gli dissi "Due pani le devi tornare indietro. La tua te la puoi tenere che non ne facciamo abusi, ma due parti le devi portare indietro. E con la Calabria ce la vediamo noi". perché metà erano andati in Calabria”.

L'estorsione aveva riguardato una ditta di Giussano  per un importo di 400mila euro e vi aveva fatto da mediatore un certo Silvano. Una parte del provento dell'estorsione era finita in Calabria, nel vibonese, secondo Belnome, perché Stagno riteneva in tal modo di proteggersi: "gli sembrava che mandando i mezzi in Calabria, era sostenuto di questa circostanza".

In realtà, ottenne l'effetto opposto, perché lui e Rocco Cristello non ritennero di poter passare sopra allo sgarbo e pretesero la restituzione di due quote. Stagno ammise le trascurate, si indebolì e promise che entro sei mesi avrebbe restituito i soldi. Questa promessa era stata fatta da Stagno durante l'incontro nel bar di Cabiate, prima della cena con Peppe Giampà e gli erano stati concessi due mesi, per restituire il dovuto entro il 31 marzo.

Approfittando del fatto che nel frattempo Rocco Cristello era morto, Stagno aveva tentato di ingannare Belnome affermando di aver dato quanto dovuto proprio a colui che ormai era deceduto : Lui dice "Toni, io ce li detti a Rocco, non te li ha dati?". cioè un giochetto che si fa con un morto, con tuo cognato!? (Stagno, infatti, era cognato del boss Cristello, tuttavia, era "mal sopportato" anche dai Giampà i qualilo richiamavano spesso”).

Quanto alla partecipazione di Peppe Giampà all'incontro, Belnome ha chiarito che Giampà aveva fatto leva sul potere di Belnome per risolvere la questione : Disse "Toni, se vuoi tu si può sistemare la cosa". gli dissi "Peppe, se voglio io…", non è che noi ci siamo esposti nel dargli una partecipazione nell'omicidio omissis, però lui disse "Sai, è caduto omississ…" una cosa e un'altra. C'è di mezzo sangue, alcune cose vanno chiarite, vanno viste… logicamente non ci sbottonammo con lui anche se lo sapevamo”.

L’AUTORITA’ A GIUSSANO

Con riferimento ai profili relativi all'autorità a Giussano e al suo riconoscimento da parte della Calabria, ci fu un incontro fra alcuni Giampà, Vincenzo Gallace, Andrea Ruga, nel corso del quale si discusse della situazione della zona dell'hinterland milanese, di Giussano e dintorni.

Antonio Stagno, tramite i suoi parenti, volle l'incontro per capire se poteva essere esercitata una maggiore influenza verso Gallace e Andrea Ruga, i quali però risposero "Che sia chiaro che deve dare conto, se non dà conto se ne deve andare da lì".

In altre parole, secondo Belnome, i Giampà intendevano chiarirsi anche con i Gallace (cosa che Belnome ha riferito dì aver appreso proprio da Gallace e Ruga). All'incontro per i Giampà parteciparono Alduzzo ed "uno alto, grosso, che non ha saputo dirmi come si chiamava, per conto dei Giampà".

In definitiva i Giampà hanno riconosciuto l'autorità di Belnome a Giussano, anche se Belnome ha riferito che nell'ultimo periodo Peppe Giampa' ha mandato i Cappello a Milano per alcune azioni criminose per conto di Stagno e con il benestare dì Giampà stesso .

5- to be continued (l
e prime quattro puntate sono state pubblicate il 2, 3, 5 e 10 luglio)

r.galullo@ilsole24ore.com

P.S. Ora potete acquistare il mio libro: “Vicini di mafia – Storie di società ed economie criminali della porta accanto” online su www.shopping24.ilsole24ore.com con lo sconto del 10%

  • Massimo Di Stefano |

    Finchè ci saranno persone come queste (lucia e franco) in questo paese non cambierà mai niete!
    Galullo lei è un mito!

  • lucia |

    scusi ma ho dimenticato l’istituto …omissis… e naturalmente, il pezzo da novanta….!

  • GALULLO |

    Lucia,
    il compito dei presidi (ergo: delle scuole) è vitale. Come diceva Gesualdo Bufalino la mafia non si sconfigge con l’esercito ma con un esercito di insegnanti!
    Lei vede – io parlavo nel Nord e vedo che lei parla del Sud – eserciti di insegnanti che fanno della legalità una materia fondamentale per lo sviluppo e la crescita sociale dei futuri governanti di questo Paese? Io no anche se riconosco che molti si stanno svegliando (e parlo del Nord) e cominciano ad affrontare il tema “mafie” come non più estraneo alle proprie vite e coscienze ma intimamente intraneo. Un buon passo in avanti ma non è ancora sufficiente e mi rifiuto di pensare che ci sia una “coscienza docente” da formare su questo. Chi insegna infatti è un formatore che principi, diritti e doveri di cittadinanza deve averli nel Dna. Altrimenti non è un educatore!
    Gli omissis al suo commento li ho messi io (lei aveva fatto nomi e cognomi) ma non mi sembrava corretto in assenza di contraddittorio.
    Quanto agli inviti ne ricevo a valanghe. Sono io che li rifiuto.
    Saluti

  • lucia |

    bravo galullo!come fa a sapere dei presidi?qui a Reggio cal esiste un filo nero e putrido che unisce tutte le scuole della città!si inizia dal conservatorio …omissis … e si passa all”accademia…omissis….,al magistrale …omiossis…,al famoso liceo scientifico…omissisi….,al liceo classico….omissis…,al liceo scientifico…omissis…,agli istituti industriali …omissis….,all’istituto d’arte e al liceo artistico e via dicendo…per non parlare delle scuole medie,elementari asili e asili nido!(pochissimi)Ah ovviamente le peggiori sono quelle private laiche o religiose!bravo galullo continui così!ma perchè qui non la invitano mai?

  • GALULLO |

    Franco “cabebaloca” (questo è l’indirizzo mail che io solo posso vedere e che comunico per dimostrare il coraggio che lei ha nel mettere faccia nome e cognome)io non dovrei neppure risponderle. Non tanto perchè quel che dice è delirante e dunque non merita commento e non tanto perchè mi insulta ma perchè ai codardi che non mettono nome e cognome e faccia non si deve rispondere. Ora cominciamo col mettere punti fermi: 1) il “tu” lo da ai suoi amici e non a me; 2) vicino di casa sarà suo zio e non certo io (se lei fosse mio vicino di casa venderei casa); 3) la mia preparazione è scritta in 25 anni di giornalismo e dunque è visibile e conoscibile (quando non già nota ai più, certo non a lei che è un lettore casuale oppure imbeccato); 4) il secondo libro (che ringraziando Iddio ha venduto moltissimo, migliaia di copie, anche se meno del primo che ne ha vendute 12mila ma la crisi c’è per tutti) lo pubblicizzo come mi pare e piace ma la informo che è uscito a novembre ed è rimasto un mese in edicola in vendita con il Sole-24 Ore e dunque per i tantissimi che mi hanno chiesto come acquistarlo ora che in edicola non si trova più, metto le indicazioni. Contento? No? Chissenefrega 5) se a suo giudizio io sparo nel mucchio è la conferma che non conosce una beata fava del mio percorso professionale ma…non si sforzi nel cercarla. Preferisco che non mi legga (e non mi scriva) più perchè i suoi “vicini di tutto” non sono i miei
    addio e besitos

  Post Precedente
Post Successivo