Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Nuove denunce alle Procure di Antonino De Masi, l’imprenditore “anti credit crunch bancario”

Sarete abituati – voi che frequentate questo umile e umido blog oltre che Il Sole-24 Ore e Radio 24 sui quali ho scritto e parlato spesso di lui – a leggere di Antonino De Masi, “folle” imprenditore meccanico di Rizziconi (nella Piana di Gioia, dove la ‘ndrangheta la tagli a fette) che dopo essersi messo in testa due idee “insulse” nel suo territorio (opporsi alle cosche e cercare l’armonia del dialogo e non dei sotterfugi o altro con i sindacati) ha deciso, da anni, di dare vita ad altre due battaglie “demenziali”: opporsi alla burocrazia statale (che dopo avergli riconosciuto di essere stato vittima di usura creditizia deve ancora, da anni, dargli tre milioni e passa) e lottare contro lo strapotere delle banche che strangola gli imprenditori al Nord, figuriamoci in Calabria dove la prima banca è la ‘ndrangheta e la seconda è una catena di istituti pronti ad essere forti con i deboli e deboli con i forti.

Ebbene De Masi è talmente “pazzo” che in primo e in secondo grado ha già vinto una difficilissima battaglia legale contro alcuni istituti di credito. Cosa più unica che rara. Non solo: visto che i legali (in generale, non chi lo assiste) da quelle parti tremano di fronte a certi contenziosi e ne sanno molto meno di lui, ha deciso di studiare, studiare, studiare e studiare. Fossi un’Università italiana gli affiderei la cattedra di “Come opporsi alla banche quando le banche si oppongono a te”. Non esiste? Bene: createla.

De Masi ha dunque provveduto nei mesi scorsi a inviare nuove e dettagliate denunce a diverse Procure italiane sulle presunte (solo i processi possono appurare la verità) malefatte di banche nei suoi confronti ma anche nei confronti di migliaia di imprenditori che possono dirsi tutti “De Masi”.

La sua lettera – oggi pubblicata su questo blog – annuncia anche novità che, come sempre, sarò qui a seguire per voi.

 IL TESTO DELLA LETTERA

Credo opportuno, visto il drammatico momento che si sta attraversando, rendere pubbliche  alcune iniziative legali che ho predisposto in questi ultimi mesi contro le illegalità bancarie.

Faccio ciò per una serie di ragioni delle quali la principale è rappresentata dalle drammatiche notizie sui suicidi che ormai si succedono quotidianamente, al fine di poter dare fiducia e speranza alla gente che perseverare ed aver fede in una giustizia che dimostrerà di essere uguale per tutti (sia per i potenti banchieri che per i normali cittadini) prima o poi paga. Forse sta giungendo il momento che anche i potenti ed intoccabili “burattinai” della finanza che hanno impoverito e distrutto un paese paghino, come i comuni mortali, per le illegalità commesse.

Il primo forte messaggio che voglio quindi trasmettere è quello di dare fiducia e sperare che prima o poi la magistratura e la legge faranno il loro e giusto ed “onesto” corso. Dieci anni di controversie legali contro le banche (credo uno dei primi in Italia) mi hanno portato ad essere, pagandone inimmaginabili conseguenze sia personalmente che a discapito delle mie aziende e della mia famiglia, un buon esperto  di illegalità bancarie. Ciò partendo da un momento storico, negli anni passati, nel quale criticare e mettere in discussione il “sacrale” mondo bancario era considerata una “blasfemia”, una bestemmia; ma arrivando oggi a contribuire a far luce sull’odierna e diffusa consapevolezza “degli illegali” comportamenti delle banche che quotidianamente emergono dalle cronache.

La sentenza della Suprema Corte di Cassazione (nr. 46669 del 23.11.2011) ha confermato quanto di importante sancito dalla sentenza di secondo grado, andando oltre affermando in modo indiscutibile e chiaro che: le banche hanno praticato l’usura nei miei confronti e debbono rispondere civilmente dell’operato dei propri dipendenti, risarcendomi degli enormi danni subiti a causa del loro illegale comportamento. Ho quindi provveduto, in relazione a ciò, a redigere e  depositare presso alcune Procure della Repubblica delle denunce contro alcune banche per la commissione dei seguenti reati, conseguenti a quanto sancito dalla sentenza:

  • Reato di truffa: in quanto con determinata volontà le banche hanno applicato ai propri clienti condizioni fuori legge. Commissioni di massimo scoperto, spese, tassi di interesse oltre il limite consentito dalla legge, la modifica arbitraria delle condizioni contrattuali attraverso lo ius variandi.

Tali reati sono provati dalle innumerevoli sentenze civili e penali emesse dai tribunali italiani, nelle quali le banche sono state condannate a restituire somme ingenti ai propri clienti, cifre dell’ordine dei milioni di euro. Oltre a ciò i singoli comportamenti sono stati oggetto di notevoli richiami dagli organi proposti ed innumerevoli sono stati i tentavi, lobbistici, di coprire tali illegalità, facendo e imponendo ai vari governi norme salva banche, poi abrogate poiché incostituzionali. Per essersi quindi appropriate illegalmente (ingiusto profitto) di soldi delle aziende De Masi, approfittando dello stato di bisogno delle stesse con l’applicazione di tassi, oneri e spese illegali.

  • Reato di riciclaggio, in quanto le banche hanno incamerato ingenti capitali e reimmesso nel circuito monetario (riciclato) denaro frutto di attività illecite, di usura e disapplicazione di leggi come dimostrato dalle sentenze dei Tribunale di Palmi e di Reggio Calabria e da molteplici altre sentenze civili e penali emesse dai Tribunali di tutta Italia. 
  • Reato di falso in bilancio e false comunicazioni societarie, le banche hanno posto nei loro bilanci ricavi non veri e frutto di azioni illecite (anatocismo, usura), importi che in base alla legge non sono dovuti. Gli organi apicali, CdA e Direzione Generale, erano consapevoli delle politiche commerciali attuate e dei risultati che ne derivavano, e quindi volutamente e per finalità diverse hanno posto nelle scritture contabili voci di ricavi illegali ed importi di crediti inesistenti. Allo stesso modo hanno redatto i bilanci e fornito false comunicazioni sui dati patrimoniali della propria società ai terzi soci e investitori (reati e consapevolezza ben chiari come emerge dal database riservato Dipo). Da evidenziare che nei verbali di approvazione dei bilanci emerge, chiaramente, come già alcuni soci si fossero lamentati di falsi addebiti ai danni dei correntisti.
  • Reato di appropriazione indebita. Per essersi appropriati di somme dei risparmiatori eludendo la legge con gli strumenti dell’anatocismo, delle valute e con l’applicazione di interessi usurai, sottraendosi alle regole del mercato e non osservando le pronunce della Corte Costituzionale e della Corte di Cassazione in merito.
  • Turbativa del libero mercato. Per aver operato illegittimamente a danno dei risparmiatori, turbando la concorrenza ed il libero mercato, in quanto attuando con sistemi di cartello scelte commerciali illecite, come lo spropositato costo del denaro in alcune aree del paese, hanno di fatto messo fuori me
    rcato e fuori dalla sana competizione il sistema delle imprese locali (vedi provvedimenti Autorità Garante). Tali illegali condizioni del credito, in un sistema di cartello, hanno di fatto messo fuori mercato e fuori dalla sana competizione le aziende De Masi.
  • Applicazione della L.231/01 sulla responsabilità penale delle persone giuridiche. Le banche in quanto persone giuridiche dovrebbero essere perseguite per la responsabilità penale dei reati commessi da propri rappresentanti ai sensi della normativa suddetta.
  • Reato di estorsione. Per aver utilizzato la minaccia della segnalazione in sofferenza presso la centrale rischi della Banca d’Italia, per ottenere il pagamento di somme non dovute (anatocismo, tassi usurari, spese non contemplate, CMS) o comunque fortemente annacquate da interessi anatocistici e usurari oltre che da garanzie inesistenti. Nel caso in specie, il Gruppo De Masi per evitare tale segnalazione ha pagato somme rilevanti e non dovute per come accertato nei giudizi civili e nella sentenza penale emessa dal Tribunale di Palmi.
  • Reato di false attestazioni. Allorquando le segnalazioni eseguite dagli intermediari bancari, costituenti documento probatorio per la richiesta e l’emissione dei decreti ingiuntivi, sono frutto di false attestazioni dei funzionari bancari. Per aver certificato quindi, attraverso il rilascio di estratti conto certificati  conformi alle scritture contabili e di dichiarazioni secondo cui il credito è vero e liquido ai sensi dell’art. 50 del TUB, l’esistenza di crediti anatocistici ed usurari, ovvero per aver certificato come “vero e liquido” un credito che, invece, risulta diverso (e quindi falso) per effetto del minor importo derivante dall’applicazione di interessi passivi e commissioni di massimo scoperto e dall’applicazione dell’anatocismo, in quanto la giurisprudenza degli ultimi anni si è espressa in maniera chiara sulla non correttezza di tali somme.

Questa denuncia è uno dei tanti atti da me scritti e che hanno portato, finalmente, a far emergere una drammatica verità sulle illegalità bancarie in Italia.

Questo è un tassello di una serie di azioni legali, già avviate, che nei prossimi giorni verranno rese pubbliche con atti formali che certamente serviranno a mettere ordine e legalità e che porranno ancor di più l’attenzione su una vicenda che ha aspetti gravissimi e che, come riportato in un libro di recentissima pubblicazione che titolava  “Il Sismi, le banche, i politici. Tutte le confessioni dei  potenti”, coinvolge un potere che è andato molto oltre il limite, sembra anche nel caso che mi riguarda direttamente (ciò sarà oggetto di una successiva e  dettagliata nota). 

Io da vittima di questo sistema ho l’incoscienza ma anche il dovere di denunciare tali carnefici, affinché le cose forse possano cambiare e far emergere la verità. Certamente in un momento drammatico come questo ho scelto di continuare a combattere con nuove azioni legali e sconfiggere la depressione e il sentimento di impotenza che porta, come emerge dalla cronaca quotidiana, anche al suicidio. La forza e la consapevolezza che prima o poi tutti noi riusciremo a dimostrare di essere uguali davanti alla legge, sconfiggendo le criminali lobby di potere che sino ad oggi hanno violentato il Paese ed i diritti dei cittadini, mi porta sempre a sperare in un domani migliore.

Per adesso ciò è tutto.

Antonino De Masi

  • Gianni Pinna |

    Combatti per la Verità e la Verità combatterà per te mentre dormi. Cosi’ recita il dato sapienziale.
    Complimenti a Lei per l’intelletto che individua l’errore iniziale e tutte le conseguenze da esso discendenti; per la volonta’ che, sulla base del vero trova la forza per spiccare il salto con tutta l’adesione del proprio essere; per l’ordine di esecuzione che non recede dinanzi ad alcun ostacolo, ne’ devia verso alcuna meta diversa da quella finale.
    Un eminente lottatore e capostipite dei lottatori del Vero, incitava i suoi con queste parole: “Fortiter viri fortes”,
    -Fortemente, uomini forti-
    Gianni Pinna.

  • salvatore cittadino |

    Riciclaggio bancario ?? Confisca !!
    con questo altro atto, nella lotta, Antonino De Masi va ancora a fondo al problema che ruota nel sistema bancario, egli è un pò l’erede naturale, da Imprenditore e non da economista, del defunto Giacinto Auriti, che ebbe il coraggio di portare Banca Italia in Tribunale, sentirsi dire che aveva ragione, ma essendo che il signoraggio e l’estorsione e l’usura è una consuetudine, non si poteva procedere contro la banca.
    Antonino, non ha bisogno di retorica, per descrivere quanto vale, come Uomo, Imprenditore ed alto senso civico.
    ma pone una questione molto importante, che aggiungerei la mia vecchia proposta fatta sempre attraverso questo importante blog, ovvero, che le banche che attuano il ricilaggio e l’usura, se accertata, bisogna procedere alla confisca della stessa banca e di tutto il patrimonio della stessa.
    non solo , ma se in questi processi alla criminalità organizzata nelle diverse sigle, viene accertato che il fiume di denaro sporco ha attraversato il canale bancario, preso atto di quale banca, si deve sempre procedere alla confisca.
    il sistema bancario, se vede il rischio nell’operazione , fermano il riciclaggio, perchè è alto il rischio !
    se per ipotesi, un correntista detiene, leggittimamente del denaro e si reca in banca, ecco il dialogo , non è romanzo ma realtà :
    Gentilissimo Signor Direttore,
    “Signor Direttore, sul mio conto attendo un bonifico. Ho ceduto una società per … [a cinque zeri] e non appena sarà accreditata intendo prelevare l’intera somma in contanti. Mi faccia sapere quando posso venire a ritirare il danaro”.
    “Che cosa ne deve fare?”
    “E a lei che cosa importa?”
    “Comunque, non posso assolutamente consentirle il prelievo”
    “Perché? E’ tutto regolare. Atto notarile registrato e tutto dichiarato”
    “Non importa. Che cosa deve fare con tanto danaro? Presta soldi ad interesse? Traffico di droga?”
    “Direttore, ma sta scherzando? Io appena ne ho la disponibilità vengo a ritirare i miei soldi. Voglio avere i contanti, e non dipendere dalle banche. Va bene?”
    “No, non va bene. Venga, e io le faccio trovare i carabinieri”.
    Chiedere i propri soldi al depositario, dunque, è affare da carabinieri. Auto-rapina?
    quindi il deposito , non è solo un servizio ma un modo per esercitare piu forza, è questo non è un modo di illegale di fare servizio pubblico ?
    grazie

  Post Precedente
Post Successivo