Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Sondaggio shock: Falcone e Borsellino? Due fessi. Riina e Provenzano? Due uomini con le palle!

Mentre sabato 19 marzo l’Italia assisteva stancamente alla giornata della memoria per le vittime di mafia tenuta a Potenza, l’associazione Mafiacontro di Palermo sparava un sondaggio fra gli studenti che – a parte qualche giornale locale – è stato ampiamente ignorato.

Le domande ma soprattutto le risposte avrebbero dovuto interessare emotivamente e razionalmente chiunque – dentro e fuori i confini nazionali – perora la causa della legalità.

L’associazione, a distanza di tre anni dall’ultimo sondaggio, ha verificato se, tra gli studenti degli istituti superiori siciliani, sia cresciuta la consapevolezza sugli effetti della contaminazione del fenomeno mafioso nella vita sociale siciliana.

L’ultima volta ne era emerso un quadro disastroso nel quale i ragazzi scambiavano i morti per mano della mafia con rockstar.

Questa volta? Peggio. Molto peggio e a poco è servito che le domande poste questa volta fossero ancora più dirette. “Dall’analisi asettica delle risposte fornite e dalla consistenza delle percentuali acquisite – commenta l’Associazione Mafiacontro – pur prendendo atto dell’esistenza di una maggiore coscienza critica tra i giovani, rimane uno zoccolo duro sul quale bisogna insistere per rimuovere ampi residui di un sentire “mafioso” fortemente condizionato da fattori socio/ambientali”.

Il campione preso in esame è stato di 1.062 ragazzi di età compresa tra i 15 ed i 18 anni, intervistati a febbraio. Hanno partecipato 10 istituti scolastici: 1 di Catania, 4 di Palermo, 1 di Altofonte, uno di Belmonte Mezzagno, 1 di Mussomeli, oltre a uno di Palazzolo sull’Oglio (Brescia) e uno di Udine.

Se un difetto ha questo sondaggio è quello di non aver analizzato la differenza tra le risposte dalla Sicilia e quelle provenienti dal Nord. Non so perché, ma al netto della risposte volontariamente dissacratorie date dai ragazzi, ho l’impressione che Udine e Palazzolo sull’Oglio abbiano una sensibilità più spiccata se non altro perché nel Paese cresce la consapevolezza che le mafie sono una metastasi e non un cancro localizzato.

Non credo che le risposte abbiano bisogno di commenti se non quello di vergogna che dovrebbero provare gli studenti italiani e forse anche le scuole, spesso assenti. Gesualdo Bufalino diveva che la mafia si sconfigge con un esercito di insegnanti. Ho l’impressione che in molte parti d’Italia gli insegnanti non siano ancora stati arruolati!

LE 11 VERGOGNE

1) Il 34% di giovani che non ha mai sentito parlare (o solo qualche volta) della imposizione del pizzo. Ad una verifica successiva solo il 76% di coloro che hanno dichiarato di sapere cosa sia il “pizzo”, conferma che si tratta di una estorsione. Rimane, comunque, un 24% di intervistati che non sa o che non è in grado di definire questa diffusa pratica criminale ai danni di imprenditori e commercianti.

2) Per il  31% di ragazzi la mafia rimane una invenzione se non addirittura un bene .

3) Qualora dovesse trovarsi nelle condizioni di subire una ingiustizia, il 48% di coloro che hanno risposto al sondaggio afferma che provvederebbe a vendicarsi direttamente o, peggio, si affretterebbe a chiedere aiuto a qualcuno in grado di spalleggiarli. Solo il 52% si dichiara disponibile a denunciare.

4) Si riscontrano percentuali che superano il 71% quando si tratta di esprimere la sfiducia dei giovani nelle istituzioni, a cui fa riscontro una minoranza del 29% che si riconosce nello stato di diritto.

5) Non a caso il 41% del campione intervistato ritiene che le Forze di polizia siano sbirri e basta se non persino inutili.

6) Un dato clamoroso è quello che indica la totale disaffezione dei giovani dalla politica. Per il 64% dei giovani la politica è solo uno spreco di denaro pubblico o, peggio, il 44% non sa come definirla .

7) Problematico, se non contraddittorio, si manifesta il rapporto tra gli studenti e la scuola. Una percentuale pari al 21 % afferma che, nel 2011, i maggiori insegnamenti li ha ricevuti dalla strada, il 50% dalla famiglia e solo il restante 29% dalla scuola

8) Il 55% è convinto che le attività scolastiche non aiutino a formare le coscienze e che non sono sufficienti a fornire un grado di istruzione adeguato.

9) Sebbene la notorietà acquisita dai giudici Giovanni Falcone e Paolo Borsellino sia riuscita a determinare nei loro confronti un giudizio estremamente positivo tale da poter considerare eroi i due magistrati assassinati nel 1992, esiste una minoranza del 18% per i quali Falcone e Borsellino degli illusi se non addirittura dei fessi.

10) Il 32% degli intervistati, qualora si fosse trovato al loro posto, professionalmente avrebbe operato scelte diametralmente opposte: andare via o non fare assolutamente nulla per contrastare il dilagare di Cosa Nostra. Rimane una percentuale del 26% di intervistati che è convinta che la mafia bisogna accettarla o rassegnarsi a conviverci.

11) Da ultimo una percentuale imbarazzante. E’ quella che si riconosce nel 10% di studenti che considera Riina e Provenzano uomini d’onore e in quel 5% che ritiene che si tratti di soggetti perseguitati dalla malasorte.

C’è altro da aggiungere?

r.galullo@ilsole24ore.com

p.s. Invito tutti ad ascoltare la mia nuova trasmissione su Radio 24: “Sotto tiro – Storie di mafia e antimafia”. Ogni giorno dal lunedì al venerdì alle 6.45 circa e in replica poco dopo le 00.05. Potete anche scaricare le puntate su www.radio24.it. Attendo anche segnalazioni e storie.

p.p.s. Il mio libro “Economia criminale – Storia di capitali sporchi e società inquinate” è ora acquistabile con lo sconto del 15% al costo di 10,97 euro su: www.shopping24.ilsole24ore.com. Basta digitare nella fascia “cerca” il nome del libro e, una volta comparso, acquistarlo

  • claudio baraghini |

    Che cosa puo pensare una persona con un minimo di senso civico dalla processione alla cella di Cuffaro? Che forse non ha capito bene il significato della parola “onesta”, che vale la pena portarsi in parlamento una persona gia condannata in primo grado di un reato a dir poco deprecabile per un politico (altrimenti detto classe dirigente) se solo porta una manciata di voti, e che allora ha ragione quel 18% a ritenere FALCONE e BORSELLINO dei fessi….e probabilmente, visto anche cos’è la politica in Italia, si sentono dei fessi la marea di persone oneste che credono ancora la legge uguale per tutti…..
    a proposito non ho ancora sentito pubbliche scuse da Casini, mi sono perso qualcosa?

  • Victor |

    Voglio sperare che quelli che si riconoscono in Riina e Provenzano o che li ritengono dei perseguitati, siano in realtà solo ragazzi ai quali piace stupire, non importa in che modo. Se così non fosse allora siamo senza speranza. Nelle risposte date riguardo a Falcone e Borsellino traspare invece quella che è la realtà giovanile, soprattutto nel meridione. Disillusione, scarsa fiducia nelle istituzioni e nella società civile. Purtroppo a questi giovani non si da un grande esempio, a partire dalla politica, come da certa stampa, dalla società civile, fino alla scuola e per finire alla famiglia. Non che questo giustifichi gli studenti, che anni fa erano un baluardo della giustizia. Ma evidentemente tutto cambia.

  • rosa |

    Scusa la novità quale sarebbe?
    Il 18% degli studenti che maledicono Borsellino e Falcone è più o meno la stessa percentuale di italomeridionali (qual io sono) che è mafia camorra etc. La zona grigia naturalmente è di più, ma si sa che i “fluttuanti” non hanno il coraggio di schierarsi, neanche rispondendo a questionari anonimi.

  Post Precedente
Post Successivo