Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Il 15 gennaio Napolitano a Lamezia alle prese con Iannazzo e Giampà. Mentre la Dda dorme e Tecnesud sorge all’orizzonte…

Cari amici di blog state bene? Vi sono mancato? Posso immaginare…Buon anno a tutti, a cominciare dagli amici calabresi.

Ma si lo avrete capito: ho un debole per la “forte debolezza” della Calabria, che ha generato la mafia più pericolosa al mondo ma gli italiani – bah! – fanno finta di nulla ed è per questo che batto come un fabbro sull’argomento.

Amo i calabresi (meglio: le calabresi) e detesto (quasi) tutti i politici locali. Considero questa terra il peggior laboratorio politico immaginabile in Italia: ‘ndrangheta, malamministrazione, cattivi professionisti, imprenditoria arraffona e massoneria deviata si sposano in questa terra come in nessun’altra parte e questo intreccio criminale raggiunge l’orgasmo onnipotente nelle stanze del potere della (cattiva) politica.

Bene: se la Calabria è una terra laboratorio del peggio del peggio della politica nazionale, Lamezia Terme – in questo momento – è l’ombelico calabrese.

Ma sì, vi avevo promesso che mi sarei avvicinato al doppio appuntamento di domani in Calabria – a Lamezia nel processo Pasquale Giampà e altri e a Reggio per la causa De Masi contro le banche – e mantengo le promesse. Sempre. E chi mi segue anche sul giornale o su Radio 24 lo sa e sa che non guardo in faccia a nessuno (a proposito: dal 19 gennaio abbandonerò per libera scelta, pur contrastata dal direttore, la trasmissione “Guardie o ladri” per concentrarmi meglio sull’appuntamento quotidiano “Un abuso al giorno” alle 6.45 e in replica alle 20.45; il sabato doppio appuntamento alle 19.30).

Lamezia dicevamo. Per capire come stanno le cose in quel comune consiglio a tutti la lettura dell’ordinanza della Procura della Repubblica di Salerno (reperibile facilmente su Internet).

Alle pagine 365/366 c’è un passaggio illuminante. Il 4 dicembre 2007 il Pm Luigi De Magistris escusso dai colleghi di Salerno fa una riflessione che vi riporto testualmente. “E’ sorprendente che pur essendo Lamezia Terme uno dei centri di affari economici più ricchi della Calabria la Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro non sia mai riuscita a penetrare nei meccanismi del riciclaggio del denaro sporco”.

Sorprendente? Ma no…Considero De Magistris – per averlo conosciuto personalmente e averlo praticato per le mie inchieste in Calabria ma se leggerete l’ordinanza di Salerno troverete le ambiguità e le schifezze dei giornali e dei giornalisti di mezza Italia tranne che del Sole-24 Ore e di chi vi scrive le cui inchieste, anzi, sono citate in alcune intercettazioni come inchieste scomode e lo dico solo perché i più giovani sappiano che la correttezza e la schiena dritta pagano sempre – un buon magistrato ma un po’ ingenuo. Ha voluto espandere le sue inchieste quasi fino a toccare il cielo: così facendo si è trovato un pugno di mosche in mano. Peccato!

Quella frase su Lamezia la sottoscrivo e la firmo mille volte. Certo, se leggerete tutti i nefasti intrecci descritti nell’ordinanza di Salerno tra politici e magistrati…qualche idea sul perché la Dda di Catanzaro dorma ve la farete anche voi! Piccolo test per i  non udenti: l’omicidio Longo – a esempio – perché è in mano alla Procura ordinaria di Lamezia e non alla Dda? Che sia un omicidio di mafia lo sa anche un bambino rintronato da 10 ore di “Buona Domenica” o “Domenica In”!

Ma veniamo a domani, 9 gennaio, data che potrebbe cambiare il calendario calabrese. Mi aspettavo una reazione della società lametina e in qualche modo – a dispetto del silenzio sul probabile fallito attentato al giudice Pino Spadaro e/o al pm Gerardo Dominijanni – c’è stata.

Scrive, a esempio, al mio indirizzo di posta del giornale (non è un segreto: r.galullo@ilsole24ore.com) l’imprenditore Roberto Molinaro (che ha “mille” volte denunciato estorsori e criminali): “ Non corrisponde al vero che Rocco Mangiardi è stato il primo a denunciare un boss di Lamezia Terme. Questo triste primato spetta (ovviamente non ne sono contento od orgoglioso) al sottoscritto. Anzi per quanto concerne la famiglia  Giampà il sottoscritto sin dal 1985 (avevo 21 anni) ebbe a pignorare la casa di personale abitazione della madre (Carnovale Vincenza) e cioè dove è nato il boss Pasquale Giampà e i suoi cari fratelli (alcuni oggi in galera). Il sottoscritto  nel 2008 si è fatto nominare custode giudiziario ottenendo ordinanza di sgombero del fabbricato”.

Ora, detto che tale “corsa al primato” fa piacere, va anche ribadito che Mangiardi è il primo piccolo imprenditore che riesce a inchiodare uno Giampà in un’aula di Tribunale: resta da vedere l’esito. Per domani non escludo sorprese e qualche idea scioccante in testa mi frulla (ve la racconterò nei prossimi giorni perché spero che non si avveri). Gli avvocati mille ne fanno e un miliardo, purtroppo, ne pensano!

Molinaro ha anche lasciato un durissimo commento al mio precedente post. Non su ciò che ho scritto, sia chiaro, ma sugli intrecci tra Procuratori, avvocati e imprenditori lametini (andatevelo a vedere: è pazzesco ciò che racconta Molinaro)

E, sempre a esempio, mi scrive Salvatore Cittadino, a capo di Confcommercio lametina: “Ciao Roberto, ho letto i tuoi articoli che descrivono sempre più nitidamente la realtà di Lamezia Terme, anche se, in merito alla politica ci sarebbe tanto da dire, contro la ‘ndrangheta si deve agire e non fare parate”. Anche lui ha denunciato Pasquale Giampà.

Ma siccome mi piace sparigliare le carte, oggi vi racconterò un altro punto di vista.

Dovete sapere, infatti, che la cosca Giampà-Torcasio a Lamezia è in disgrazia. I Torcasio sono stati praticamente eliminati in un modo o nell’altro e oggi di loro rimangono i picciotti di giornata e i giovani della famiglia che si spera intraprendano un nuovo corso. Il professor Giampà è in galera e la famiglia non se la passa tanto bene. Questo non vuol dire che siano spariti dalla circolazione. Ma il momento – diciamo – non è propizio per le loro fortune.

Fantastico, direte voi, la ‘ndrangheta a Lamezia si è indebolita. No, no, no: nulla di più sbagliato. E’ più forte di prima e gli investimenti milionari su questa capitale mancata della Calabria fanno gola come può far gola una giovane sposa a un marito uscito dal carcere dopo 10 anni di astinenza nelle patrie prigioni!

Oggi c’è una famiglia che agisce nell’ombra – ha continuato il buon Molinaro nella chiacchierata che abbiamo avuto alcuni giorni fa mentre la figlia gli prosciugava il conto in banca con continui giri in giostra – ed è la famiglia Iannazzo”. Contro cui Molinaro ha un lungo contenzioso: denunce continue che – chissà perché – non arrivano mai a un punto conclusivo. Punto di vista personale, il suo.

Comunque – mi ha raccontato una pulce loquace – difficilmente alcune inchieste sulla famiglia Iannazzo arriveranno a conclusione in tempi brevi. Storie di giustizia a orologeria verso una sola cosca per “far finta” di colpire la ‘ndrangheta nella sua interezza? O storie che riguardano anche denunce al Csm nei confronti di alcuni magistrati lametini? O ancora storie di procedimenti disciplinari pendenti e possibili? Chi vivrà vedrà.

Intanto, se vi andate a vedere la “mitica” ordinanza di Salerno, troverete a pagina 65 che della Finefood srl era socia accomandante Iannazzo Caterina, che se non sbaglio (l’ordinanza è scritta cripticamente sul punto) è figlia di Vincenzino Iannazzo. Chi è costui? Ce lo spiega un’informativa del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia dei Carabinieri di Lamezia: “Quest’ultimo secondo informazioni di Polizia e atti processuali è considerato capo indiscusso dell’omonima consorteria criminale di stampo mafioso operante in questo territorio”

Perché è così importante questa Finefood? Perchè un’altra socia era Caterina Merante, principale teste del processo Why Not. Giudizio personale: non credo che Merante fosse così contenta di avere questa socia. Che qualche altra manina l’abbia imposta (visto che non è un reato)? A pensar male si fa peccato, ma qualche volta ci si azzecca diceva Giulio Andreotti, uno che ne ha viste di cotte e di crude

Insomma: la famiglia Iannazzo (che hanno una passione per l’imprenditoria, l’avrete capito) è viva e vegeta e lotta insieme a loro. Loro chi? Ma coloro i quali vogliono far cadere il peso della Giustizia innanzitutto sulla cosca Giampà-Torcasio, lasciando in fase di stallo gli antagonisti. E intanto gli affari galoppano.

In questo allegro e spensierato clima da fine del mondo, il sindaco Gianni Speranza (che fa veramente il massimo per far emergere la Lamezia pulita, che è ovviamente la maggioranza dei cittadini, piegata da un manipolo di fottuti criminali) ha ufficializzato la visita in città del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Arriverà nel primo pomeriggio di giovedì 15 gennaio 2009. Arriverà davanti alla cattedrale e a piedi saluterà la folla attraversando Corso Numistrano.

Che bello spettacolo: 40 metri blindati come una tartaruga nel guscio! Farà poi visita al Complesso monumentale del San Domenico e da li si sposterà nuovamente in auto verso il Comune dove per l’occasione inaugurerà la nuova sala del consiglio comunale e incontrerà i giovani della città.

E in questo allegro clima continuano a piovere soldi sulla città, come quelli che fanno riferimento al Consorzio Tecnesud, annunciato poche settimane fa in loco, in pompa magna, squilli di tromba, fanfara, ricchi premi e cotillons nientepopodimenoche dal ministro per lo sviluppo economico Claudio Scajola, alla presenza di Sua Onnipresenza Pino Galati, transfuga Udc, ora deputato del Pdl, uno dei boss politici più potenti della Calabria, con il quale Luigi De Magistris ha un lungo conto in sospeso. Un deputato temuto e riverito da tutti, uno che parla il dialetto alternando di tanto in tanto qualche parola di italiano ma che ha un grande naso. Per gli affari. Dei calabresi. Come Tecnesud, ma di questo scriverò nella prossima puntata. Ogni promessa è debito.

roberto.galullo@ilsole24ore.com

  • Roberto Galullo |

    Innanzitutto egregio mister X (mi pare di capire che si chiami Mario),
    quando si scrive ci si presenta: nome, cognome e se vuole poi può aggiungere a piacere altri ingredienti: numero di matricola, segno zodiacale, numero di scarpe, passatempi e persino tessera sindacale o poltrona allo stadio.
    Con chi ho il piacere di interloquire dunque?
    Messo un punto fermo sull’educazione, per quanto mi riguarda può insistere quanto vuole, anche fino al 2023.
    Caro “professorone” vada a spiegarlo al Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia dei Carabinieri di Lamezia che – raccogliendo informazioni su Antonio Saladino – descrivono esattamente il 4/12/2006, il 24/3/2007 e infine l’11 aprile 2007 la compagine societaria della Finefood srl.
    Ora sa a me quanto me ne frega che una srl non può avere né soci accomandanti né avere accomandatari? Zero. Anzi: meno di zero. E sa quanto gliene fregava a De Magistris e alla Procura di Salerno: ancora meno se possibile.
    L’oggetto dell’informativa dei Carabinieri – che io ho riportato fedelmente – era diverso dalla sua ottica di puro “diritto commerciale”. Loro informavano il Pm De Magistris, che indagava sulla cupola affaristico-massonica-politico-criminale che governa la Calabria dell’ingresso di un’esponente della famiglia Iannazzo in società con una ex socia in affari dello stesso Saladino, diventata poi supertestimone nel processo Why Not. Al Pm trarre le conclusioni e indagare (non so se l’hanno informata, ma gli hanno avocato l’inchiesta).
    Lei invece fa come quelli che di fronte a chi indica la luna guarda il dito. Contento lei…Mi tolga una curiosità: ma lei legge gli articoli di questo tenore per dare la caccia gli errori di diritto commerciale? Attendo la prossima segnalazione magari sul codice mercantile. Mi avverta prima così avverto i Carabinieri e i Pm di ripassare le materie oggetto di esame. A proposito: con chi ho avuto il piacere di interloquire? Sa, mi piace ripetere le regole non scritte della buona educazione. Non si affanni a cercarle, non si trovano nei libri di diritto.
    Roberto galullo

  • mario |

    insisto: nelle srl non esistono soci accomandanti (e nemmeno accomandatari).
    gradirei una spiegazione (o almeno la correzione dell’errore).

  • bartolo |

    Nulla da dire, se non fare i complimenti al professionista Galullo!
    Alcune immagini si fissano in maniera indelebile nella mente! Una di queste, fissatasi nella mia, è stata quella vista nella trasmissione “Scherzi a Parte” alcuni anni fa, in cui Del Turco invitato a parlare di un noto e famoso pittore si è cimentato in un lusinghiero ritratto dell’artista. Per interromperlo è stato necessario l’intervento del cronista che lo avvisava che il soggetto sul quale si stava esibendo non era mai esistito e la trasmissione a cui stava rilasciando la sua intervista era Scherzi a Parte.
    Quando è stato arrestato Ottaviano del Turco mi è ritornato in mente questo episodio, da alcuni giorni si è riacutizzato. È successo grazie alle continue pubblicazioni da parte del Corriere della Sera di lettere di deputati, senatori, storici, nonché editorialisti dello stesso giornale che fanno a gara a chi ne dice più a garanzia dell’onestà di Del Turco e contro i giudici che lo hanno arrestato. Che dire?!?! Felice del taglio garantista che contraddistingue il maggiore quotidiano italiano. Per chi non crede, basta verificare la fine che il suo direttore ha fatto fare all’inviato Carlo Vulpio che si ostinava a scrivere del caso Catanzaro-Salerno-de Magistris non in termini allineati al garantismo degli inquisiti coinvolti: rimosso!
    Il diellino deputato Sergio Tonini, sull’edizione odierna, addirittura, si dice incapace di immaginare Del Turco che si intasca dei soldi. Neanche io credo che Del Turco si sia intascato i soldi, ma sul fatto che l’Italia è amministrata in maniera fraudolenta dal centro alle estreme periferie, salvo poche eccezioni, non v’è dubbio alcuno. D’altronde, solo i cieco-sordo-muti potrebbero non accorgersene. Ed il Corriere della Sera, ovviamente!

  Post Precedente
Post Successivo