Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Lazio, Fondi e la sorpresa nell’uovo di Pasqua di Renata Polverini: la mafia è ignorata ma secondo la Dna…

L’Italia è il Paese che gli italiani meritano. Dopo le elezioni regionali la (mia) convinzione inossidabile diventa ancor più certezza granitica.

Prendiamo il Lazio. E prendiamo Fondi (Latina). Una regione e un comune ad alta densità mafiosa (lo dicono i magistrati e gli inquirenti, oltre a molti politici). Come sapete al Lazio e a Fondi ho già dedicato decine di inchieste tra Sole-24 Ore quotidiano, Radio24 e questo umile blog (si vedano, da ultimi i post del 28 gennaio, del 14 aprile e del 4 agosto 2009). Ora – a urne chiuse e a uovo di Pasqua digerito – torno a parlarne. Magari a qualcuno l’ovetto tornerà su. Pazienza.

LA PAROLA NON PRONUNCIATA: MAFIA

Renata Polverini – ex sindacalista inciampata in qualche problema di lettura dei numeri delle tessere sindacali – è il nuovo Governatore. Bene. Brava. Bis? E chi lo sa?

Non si è neppure insediata ma – per quanto mi riguarda – già la rincorsa alla vittoria era partita con il piede sbagliato. Fregandomene (come sapete) dei colori politici per i quali provo autentico e indistinto disgusto, la mia chiave di lettura ruota, ovviamente, sempre intorno ai temi della legalità e dell’aggressione alle mafie e ai loro patrimoni. Condizioni imprescindibili per lo sviluppo sano di un territorio ma, evidentemente, all’ex sindacalista pur cresciuta a comizi e assemblee, il dettaglio deve essere (momentaneamente) sfuggito.

Vedete, da giornalista cresciuto con il mito dei grandi giornalisti (irraggiungibili per me) ho il viziaccio di passare giorni e notti a leggere documenti magari per scrivere solo un post. Ebbene, ho letto le 48 interminabili pagine del suo programma di governo 2010-2015, che contiene 60 dettagliatissimi impegni. Non ci crederete: in quel programma – dove pure l’urgenza è dedicare un paragrafo alla “people production” (?!) – non compare mai la parola mafia e, ovviamente, il relativo impegno a combatterne i disvalori di inquinamento costante e perenne della società civile laziale.

La parola legalità compare per la prima e unica volta a pagina 17, la parola illegalità è sconosciuta (evidentemente nel Lazio nel rispetto dei Santi non si delinque) mentre la parola criminalità (senza l’inutile appendice di “organizzata” perché, si sa, nel Lazio la disorganizzazione delle mafie regna sovrana) compare al punto 47 degli impegni di governo, sotto il titolo: “Città sicure, territorio, mobilità e qualità della vita” (tutto insieme appassionatamente). Ebbene, ecco cosa dice sul punto (riporto integralmente, abbiate pietà):

47. UNA REGIONE SICURA

“La domanda di sicurezza dei cittadini necessita di una risposta coerente e sistematica da parte delle istituzioni. La Regione deve realizzare un sistema integrato, non solo sul piano delle competenze istituzionali, ma soprattutto su quello del territorio, per evitare che la criminalità e la percezione di insicurezza siano diverse da provincia a provincia. Negli ultimi anni le politiche regionali per la sicurezza sono state concepite in termini tradizionali di sussidio e di supporto finanziario ai progetti locali ed in termini di partecipazione ai tavoli interistituzionali con le Autorità centrali. La Regione Lazio può e deve fare molto di più per garantire omogeneità e stabilità al sistema di sicurezza del territorio. E’ necessario che la Regione assuma iniziative che le conferiscano una nuova centralità e che mirino alla realizzazione di un effettivo “sistema integrato di sicurezza”. Programmazione delle politiche, armonizzazione degli obiettivi da raggiungere, coordinamento delle iniziative sul territorio, apertura di una conferenza permanente tra e con le autorità locali, costituiscono allora i punti cardine di una nuova politica regionale sulla sicurezza, elaborata tanto sul piano legislativo, quanto su quello amministrativo”.

47. MORTO CHE PARLA

Più che un punto 47. “Una regione sicura”, a me sembra piuttosto un punto 47. “Morto che parla”. A parte che sfido chiunque a capire che cosa abbia voluto dire in italiano chi ha steso questo punto, a parte che chiamo in causa l’Accademia della Crusca per capire cosa voglia significare: “…evitare che la criminalità e la percezione di insicurezza siano diverse da provincia a provincia…” (forse che i laziali debbono avere paura tutti allo stesso modo?), come vedete non una sola volta in tutto il programma si parla di bisogno (primario) di legalità e di lotta alle mafie. In primis alla ‘ndrangheta che come sapete sta mangiando parti intere della capitale ma, sullo stesso livello, la camorra che sta divorando la provincia di Latina.

Zero carbonella. Neppure nel forum del suo sito Internet (che pure ho spulciato con meticolosità da certosino) ho trovato un solo accenno da parte degli elettori di Polverini alla voce sicurezza. In tutto 45 commenti (sigh!) il più interessante dei quali è una lettera di non meglio precisati poliziotti del commissariato di Tor Pignattara che scrivon
o alla governatrice in pectore il 1° marzo alle 14.52 sui temi della sicurezza in quel quartiere e al rischio che chiudano i battenti in nome del risparmio. Risposte a questo tema vitale e concreto: nel forum non ne ho viste ma forse non so leggere. Questo, ovviamente, non vuol dire che Polverini non abbia a cuore i temi della legalità e lotta alle mafie, ci mancherebbe, ma le parole scritte su un programma, oltre che i fatti, sono l'unica chiave di lettura di cui al momenti dispongo.

Qualcuno mi dirà: ma perché non fai le pulci anche alla candidata perdente Emma Bonino? Detto fatto, anche se una cosa voglio premetterla: la critica deve stimolare il vincitore e non il perdente. A lui (in questo caso lei) l’onere della prova: dimostrare di avere le carte in regola per governare, a partire dalla qualità sui temi in cui si misurerà il governo della cosa pubblica. Nella qualità dei temi la lotta alle mafie è imprescindibile. E’ come l’aria che si respira.

Ebbene la faccio breve: Bonino in un altrettanto stucchevole, onnicomprensivo, interminabile programma di 54 pagine suddiviso in 20 noiosissimi punti, almeno già nelle premesse diceva chiaro e tondo quanto segue: “legalità, trasparenza e progettualità: i tre criteri ispiratori della politica regionale”. Tanto? Poco? Boh, almeno qualcosa. E nell’appello elettorale si diceva dopo appena due righe che oggi la democrazia “è aggredita dall’illegalità…”. E, infine, nel punto programmatico in cui Bonino parlava di “Sicurezza, prevenzione e legalità”, c’è la declinazione di una serie di misure: dai protocolli di legalità, alla trasparenza degli appalti e al relativo monitoraggio, per finire con un piano di riutilizzo dei beni confiscati alla mafia.

Insomma: meglio che niente…meglio, anche se le chiacchiere sono chiacchiere e i fatti un’altra cosa. E nel caso di Bonino non avremo mai la controprova se erano solo chiacchiere. Il distintivo, infatti, non lo ha e non lo avrà più.

E dire che Polverini (così come Bonino) avevano intrecciato la contesa elettorale a partire dal tema della sanità, i cui legami con l’illegalità e la criminalità sono talmente evidenti che la sponda (se solo la si fosse voluta trovare e cercare) sarebbe stata lì a portata di mano.

LA RELAZIONE DELLA DNA E IL RAPPORTO NASCOSTO

I laziali avevano conosciuto – sul tema legalità – le mirabolanti avventure di Piero Marrazzo. Molti di voi ricorderanno che lo avevo apertamente sfidato (attraverso i miei articoli su Sole-24 Ore, la mia trasmissione su Radio24Un abuso al giorno” e questo blog) a diffondere e rendere noto il rapporto sulle mafie che aveva commissionato all’Osservatorio sulla legalità. Risposte: zero. Marrazzo se ne fregò tre quarti e – a oggi – i risultati di quel lavoro sono sconosciuti ai laziali. Polverini le faccio una proposta: vuole spedirmi quel rapporto? Giuro che lo pubblico io per intero sul mio blog (uno strumento in più di diffusione) e lo commentiamo insieme. Del resto questo blog a questo serve: criticare e dialogare con un impegno: costruire nel rispetto dei ruoli e non distruggere.

In attesa di tanta grazia, eccovi in esclusiva la sintesi dei sostituti procuratori nazionali antimafia Roberto Alfonso e Diana De Martino (finora rimasta nei cassetti della Direzione nazionale antimafia) che traggo dalla lettura del rapporto di fine 2009 della Dna (ed è solo la sintesi, figuratevi la relazione per intero che ho avuto il dispiacere di leggere…)

…nell’ultimo anno infatti, penetranti inchieste giudiziarie hanno evidenziato l’interesse delle consorterie mafiose a costituire articolazioni logistiche nel Lazio e soprattutto a Roma, e ad utilizzare le opportunità economico-commerciali per il reinvestimento di profitti illecitamente accumulati o per l’avvio di attività imprenditoriali.

In particolare il territorio romano sembra essere stato scelto dalle organizzazioni criminali per proficue iniziative finanziarie, volte ad occultare i patrimoni illeciti attraverso sofisticate iniziative, che rendono particolarmente complessa l’azione di contrasto. Proprio le indagini svolte dalla Dda hanno consentito di accertare che alcuni dei più noti locali romani fossero gestiti da prestanome di Alvaro Vincenzo di Cosoleto.

Sempre sul versante romano, l’indagine nata dalle dichiarazioni di Giuliano Salvatore ha evidenziato la presenza, nel quartiere Esquilino, di un gruppo camorrista che aveva realizzato il controllo di tutto il settore dell’imprenditoria commerciale cinese.

Per quanto riguarda la criminalità negli altri circondari, si sottolinea come l’inchi
esta giudiziaria su Fondi abbia messo in luce il controllo esercitato dai fratelli Tripodo – appartenenti alla ‘ndrangheta e soci occulti di alcune imprese di ortofrutta – sul Mof, sia decidendo quali operatori commerciali potessero accedere al mercato, sia rapportandosi ai concorrenti e ai debitori con il metodo mafioso.

La medesima inchiesta ha accertato la penetrazione del sodalizio diretto da Tripodo nell’amministrazione comunale: ed infatti, a fronte del patto elettorale stretto da Izzi Riccardo (assessore ai LL.PP., risultato primo degli eletti) con tale consorteria criminale, le imprese ad essa riconducibili erano sistematicamente individuate, in assenza di evidenza pubblica, quali contraenti del Comune.

Nel circondario di Latina una recente inchiesta ha evidenziato la presenza di un gruppo criminale, particolarmente violento, legato alla famiglia Schiavone dedito ad estorsioni. A Cassino, è stata sbaragliata l’organizzazione camorrista capeggiata da Gennaro De Angelis dedita ad una imponente attività di importazione e commercializzazione di autovetture estere, destinata a realizzare ingenti guadagni attraverso collaudate metodologie criminali.

Si conferma anche per quest’anno l’espansione in tutto il distretto del traffico degli stupefacenti, a cui un numero sempre maggiore di associazioni criminali locali si dedicano, in collaborazione con i gruppi criminali stranieri (soprattutto colombiani e nigeriana) e con i gruppi mafiosi di origine meridionale.

Il Lazio, a riprova della diffusione delle sostanze stupefacenti, detiene il triste primato di aver avuto, nel 2008, il maggior numero di decessi per droga (87 casi). La Dda ha recentemente riservato particolare attenzione al settore del contrasto patrimoniale alle organizzazioni mafiose. Nel periodo in esame la Dda di Roma ha avanzato  22 proposte di applicazione di misure di prevenzione patrimoniale ex legge n.575/1965 che hanno portato a provvedimenti di confisca di patrimoni di ingente valore. Inoltre, ogni richiesta di misura cautelare personale è accompagnata, quando le indagini evidenziano la disponibilità di beni da parte degli indagati, da una misura cautelare reale finalizzata alla confisca penale o alla confisca ex art. 12-sexies.

Per quanto riguarda poi l’attività di collegamento investigativo presso la Direzione Distrettuale Antimafia di Roma, si rappresenta che lo sviluppo delle indagini e l’andamento dei processi in fase di giudizio sono stati seguiti da questo ufficio sia partecipando alle riunioni che si sono svolte presso la Dda

di Roma, sia attraverso incontri con i singoli magistrati. In tal modo la Direzione NazionaleAntimafia è sempre stata in possesso di notizie aggiornate sulle indagini, potendo così segnalare l’esistenza di indagini collegate con altre in corso presso altre Direzioni distrettuali, e procedere, se necessario, alle opportune attività di coordinamento. Tra queste si segnalano quelle curate nei procedimenti riguardanti le infiltrazioni mafiose nel mercato ortofrutticolo di Fondi e in altri mercati, nei procedimenti riguardanti la penetrazione delle organizzazioni calabresi nelle imprenditoriali romane, nei procedimenti riguardanti il narcotraffico  attuato da organizzazioni serbo-montenegrine”.

IL CASO DI FONDI

E chiudiamo come la Direzione nazionale antimafia chiude: Fondi e il suo mercato ortofrutticolo. A Fondi la camorra e la ‘ndrangheta si respirano più dell’aria e il consiglio comunale, guidato dal Pdl, è tornato alle elezioni non perché sciolto, come pure avrebbe dovuto essere a detta dell'ex prefetto e di migliaia di osservatori, per infiltrazioni mafiose, ma perché il senatore del Pdl Claudio Fazzone aveva preferito le dimissioni dei consiglieri della coalizione, oltretutto stanco di un lungo tira-e-molla che aveva coinvolto anche il ministro dell’Interno, Roberto Maroni, accusato da molti di difendere la coalizione in vista delle imminenti elezioni regionali.

C’è poco da aggiungere – rispetto a quanto scritto dai magistrati antimafia e rispetto a quanto, con dovizia di particolari ho scritto io nel recente passato nelle mie inchieste su Fondi e il suo mercato – se non alcune cose.

Non mi risulta che mai né la Polverini né Bonino abbiano affrontato questo drammatico tema nel corso della loro campagna elettorale. Magari sbaglio e sono pronto a correggermi. Anzi. Latina Oggi – quotidiano della provincia che si dichiara indipendente e a quanto mi risulta fa capo a tal Giuseppe Ciarrapico, indimenticato personaggio della Prima Repubblica, a quanto sintetizza Wikipedia entrato e uscito dalle patrie galere, assolto, ma anche condannato in via definitiva diverse volte, la cui definizione storica
nell’enciclopedia internettiana Wikipedia che ne ha tratteggiato la biografia è riassunta in “tra fascismo e andreottismo”, eletto infine come senatore nel 2008 nelle file del Pdl – il 15 gennaio spara a pallettoni tipografici.
Quel giorno titola: “Gaffe Polverini – La candidata alla presidenza del Lazio si chiede: Fazzone chi? – Evidente amnesia – Solo sei giorni fa Renata era seduta accanto al leader del Pdl a Latina”.

Pochi giorni prima una domanda di una collega del Riformista, Tonia Mastrobuoni –  che le chiedeva conto se non fosse imbarazzata dalla presenza di Fazzone nella sua coalizione, visto le sue prese di posizione sul caso Fondi che non è stato sciolto per mafia a dispetto dei Santi e delle evidenze dell’(ex) prefetto Bruno Frattasi – Polverini aveva perso le staffe e rimandato al sito del Pdl per aver maggiori dettagli. Per raccomandazioni all’interno di una Asl, informa sempre Latina Oggi il 17 febbraio, Fazzone sarebbe nuovamente indagato.

Credibile che Polverini non sapesse chi è Fazzone? Assolutamente no. Anche i sassi sanno a Roma chi è Fazzone, ex poliziotto, nella scorta dell’ex ministro dell’Interno Nicola Mancino, ex presidente del consiglio regionale nel 2000, poi senatore nel 2006, confermato nel 2008, stravotato a Latina e provincia. Ma Polverini si sveglierà successivamente, in tour elettorale. Ecco la cronaca di Andrea Palladino sul Manifesto del 14 febbraio. “L’entusiasmo dei fans di Fazzone è scattato, però, quando il candidato sindaco ha attaccato chi ha scritto e raccontato le storie delle cosche e delle mafie di Fondi: «Ho sentito il peso di due anni di insinuazioni, scritte e raccontate – ha concluso il suo intervento De Meo – che mi hanno lasciato amarezza». Renata Polverini sorride, guarda il pubblico sapendo che è da qui, da Fondi, dal clan del Ras che oggi siede al Senato che potrà venire il pacchetto di voti che contano, che possono compensare quelli del Pdl romano, da ieri ufficialmente persi dopo la decisione finale dei magistrati.
Guardando il migliaio di persone che sedevano davanti a Fazzone e a Polverini si riesce a percepire il peso che il senatore fondano ha costruito con cura maniacale. Nel 2000 e nel 2005 già era stato il consigliere regionale più votato d’Italia, superando ampiamente le 30.000 preferenze. Ci sono intere famiglie, organizzate, che obbediscono al comando dei galoppini elettorali. Sanno quando applaudire, quando alzare le bandiere, quando gridare il nome del loro lider. Intorno c’è un imponente sistema di sicurezza, body guard muscolosi, con auricolare, attenti a mantenere un ordine perfetto. Ci sono poi le società che curano gli allestimenti, con una curiosa regia video, dove capeggiava il logo della Regione Lazio sui monitor. Forse Fazzone si sente già dentro il palazzo del consiglio, o magari assessore di peso. O forse è un logo messo solo per mostrare che il traguardo è vicino.
E’ ora di cena quando tutti escono. Renata Polverini ha finito il suo intervento, evitando accuratamente le parole sulla legalità violata con il mancato scioglimento della giunta Parisella. Claudio Fazzone saluta, bacia, risponde, stringe le mani. Guarda chi c’è, misura il peso che ancora mantiene nella città. E sa che Renata Polverini non potrà fare a meno di lui e dei voti pesanti della città di Fondi
”.

Se lo sanno a Roma, figuriamoci a Latina dove in pratica a destra non si muove foglia che lui (politicamente) non voglia. A Fondi il Pdl, di cui Fazzone è coordinatore provinciale non ha vinto: ha stravinto. Anche personalmente Fazzone ha vinto: con 28.817 voti è stato il più votato per il consiglio regionale laziale, anche se si lamenta….

PEDICA: COMUNQUE SIA ANDATA E’ UN (IN)SUCCESSO…

A Fondi ha votato una percentuale bulgara: l’81,50% dei 25.438 aventi diritto. Salvatore De Meo, candidato per il centro-destra, ha preso il 55,60% dei voti: eletto senza passare per il ballottaggio. Maria Civita Paparello, che correva con il centro-sinistra ha preso il 22,21% dei voti.

Ma l’exploit è stato quello del candidato sindaco per l’Italia dei valori Stefano Pedica. Ma sì, ricordate quel Pedica, senatore, capo della segreteria politica dell’Idv, segretario regionale nel Lazio del suo partito, quello che il 24 luglio 2009 aveva interrotto la conferenza stampa del ministro all’Istruzione Mariastella stellina Gelmini per gridare la sua rabbia contro il mancato scioglimento di Fondi, quello che la settimana dopo con altri due colleghi dell’Idv aveva occupato per lo stesso motivo la sala stampa di Palazzo Chigi, quello che aveva strillato come un’aquila fuori del Parlamento chiedendo lo scioglimento per mafia del Comune di Fondi?

Sì proprio lui! Quello che voleva un magistrato alla guida del Mof e un prefetto all’assessorato comunale alla legalità a Fondi! Un pazzo, un pazzo, solo un pazzo può chiedere questo…Ma come? A Fondi, dove le cosche calabresi Gullace e Tripodo (solo per fare i primi due cognomi che mi vengono in mente) godono e fanno affari da mane a dì, dove il clan dei Casalesi sverna che è un piacere!  A Fondi, dove anche in piena campagna elettorale sono stati sequestrati beni a un clan camorristico! Ma Pedica! Pedica! Ma mi facci il piacere Pedica!

Il suo è stato un (in)successo straordinario (alla fine di questo post vedr
ete i numeri) che la dice lunga sulla sensibilità al tema delle mafie di questo Paese.

Bene. Sono andato a leggermi i programmi di questi tre candidati sindaci a Fondi.

Il programma di 9 pagine di De Meo (“Io sì, con voi”, chissà che cosa avrà voluto dire n.d.a.) non contiene neppure un-accenno-uno ai temi della pervasività delle mafie, dell’illegalità diffusa sul territorio, dei condizionamenti della camorra e della ‘ndrangheta sull’economia, sugli attentati che perseguitano gli imprenditori fondani. Zero carbonella. De Meo è ex assessore all’Urbanistica. Questo è, secondo Andrea Palladino che ne ha scritto sul Manifesto del 14 febbraio, quanto avrebbe dichiarato De Meo nel corso di un comizio: «Dobbiamo rivedere, con l’aiuto della Regione Lazio, gli usi civici della zona del litorale». “Ovvero – scrive Palladino – quel pezzo di costa che in tanti vorrebbero pronta per speculazioni edilizie milionarie, dove, fino ad ora, la Regione Lazio ha tutelato quello che ancora rimane del paesaggio straordinario di questo pezzo di Mediterraneo”. Sono certo che De Meo smentirà questo losco presagio di un giornalista “comunista”.

Il programma della Paparello almeno un passaggio, forte, lo aveva. Eccolo: “1) Piena collaborazione con la Procura, la Prefettura, la Questura e le forze di polizia provinciali per difendere con fermezza il nostro territorio. Il livello di infiltrazione malavitosa nel tessuto urbano è preoccupante e richiede decise iniziative istituzionali a partire dall’amministrazione comunale, a tutela del sano tessuto sociale fondano; 2) Riorganizzazione dell’apparato comunale secondo rigorosi criteri di rispetto delle norme amministrative, di efficienza e di trasparenza per ridare piena dignità ed equità di trattamento a tutti i cittadini; 3) Destinazione a scopi sociali dei beni confiscati alla mafia sul nostro territorio, di concerto con l’Agenzia Regionale”. Meglio che niente…meglio. Ammesso e concesso che – come sempre – si tratta di parole, parole, parole…Ma l’Oscar dell’”ignorante” durante questa campagna elettorale a Fondi se lo è aggiudicato proprio Pedica. Oh gia!

Ma cosa gli avrà detto mai il cervello a Pedica che voleva andare a fare un comizio elettorale al Mercato ortofrutticolo (il Mof oggetto di inchieste continue da parte della magistratura per le continue accuse di infiltrazioni ‘ndranghetistiche e camorristiche all’interno e all’esterno)! Ecco come gli hanno rotto le ossa (verbalmente parlando) a Pedica per quell’improvvida e indegna provocazione all’illibatezza e integrità morale di certi fondani: “Ringrazio le persone che non mi fanno andare al Mof – sarà costretto ad annunciare ai media locali che hanno pensato di minacciarmi, perché facendo questo dimostrano che quello che noi diciamo da più di un anno su Fondi è vero. Io sono un candidato di rottura. Di rottura di un sistema che va smantellato e che solo i cittadini possono fare tramite il voto”.

Pedica, di sicuro, ha rotto…Ha talmente rotto che ha preso 175 voti, pari allo 0,70% e l’Idv si è fermata a 103 voti, pari allo 0,42%. Più rottura di così….E poi c’è chi dice che nel Lazio, a Roma e a Fondi esiste la mafia…Disinformati, ecco cosa siete, disinformati!

r.galullo@ilsole24ore.com

p.s. Dimenticavo un piccolissimo particolare: secondo voci ricorrenti Claudio Fazzone è un serio candidato al ruolo di assessore regionale alla Sanità della Regione Lazio.

p.p.s. Bruno Frattasi, il prefetto che aveva osato scrivere di infiltrazioni mafiose nel consiglio comunale di Fondi con un “appunto” di 500 pagine che si concludevano con la richiesta di scioglimento, è stato rimosso e promosso: dal 10 dicembre è Direttore dell’ufficio per il coordinamento e la pianificazione delle Forze di Polizia al Viminale.

  • edoardo Levantini |

    Caro Roberto,
    la prima sfida contreta della presidente sarà la costituzione della regione Lazio nel processo contro i Tripodo – Trani (attivi a Fondi)l’udienza preliminare ci sarà il 4 maggio!La regione Lazio ci sarà?La provincia guidata da Armandino Cusani?Il comune di Fondi?Il MOF?Dubito! la regione Lazio nella precedente consiliatura si è costituita parte civile in tre processi di mafia due contro i Gallace e uno contro una costola del clan dei casalesi chiusosi con una condanna all’ergastolo anche per l’imprendibile capo dei casalesi Zagaria.Assieme ad altri camorristi imprenditori condannati dalla corte d’assise di Latina!

  • Federico |

    Bisogna aggiungere, per completezza d’informazione, che anche nel programma elettorale della lista civica “Rete dei cittadini” si parla di mafia. Molto poco, però. La lista, nel suo programma, si impegna nella “lotta contro la criminalità organizzata e contro la connivenza tra politica e mafie” e “all’evasione fiscale, a cominciare dalla enorme quantità di beni mobili ed immobili della criminalità organizzata”. Non è dato sapere in che modo. L’unica indicazione presente nel programma prevede di “dividere i detenuti comuni in strutture separate dai detenuti per reati di mafia e di altri crimini gravi”. Nulla di più. Non servirà a contrastare i patrimoni mafiosi, ma almeno si prende in considerazione l’esistenza del problema. Il programma di Renata Polverini rimane l’unico ad ignorare la più grave emergenza criminale della regione.

  Post Precedente
Post Successivo